EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lebèque: due sorelle, una passione il piano

In collaborazione con
Lebèque: due sorelle, una passione il piano
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Quattro mani, due sorelle, e un grande talento.

Le sorelle Katia e Marielle Labèque, originarie dei Paesi Baschi francesi, suonano insieme da oltre 30 anni, sono il duo pianistico più famoso al mondo.

Nel corso della loro ultima tournée, hanno fatto tappa a Brussels, per un concerto alla Royal Flemish Philharmonic Orchestra.

Suonano insieme da oltre 30 anni: Katia è spumeggiante, Marielle più posata.

Katia Labèque: “L’equilibrio è un miracolo. Siamo felici di condividere il nostro tempo. È per questo, penso, che siamo felici di fare musica insieme”.

Marielle Labèque:

“Di condividere tutto. È vero, condividiamo la gioia e il sacrificio di suonare, di viaggiare. Abbiamo molta fortuna”.

La passione è stata trasmessa dalla madre, un’italiana che insegnava piano.

Il duo pianistico è una grande sfida, devi imparare a respirare insieme al tuo partner, a avere lo stesso ritmo.

Marielle Labèque:

“La cosa bella, dopo tanti anni che suoniamo insieme, è di riuscire a avere una certa libertà, e di non suonare, come era invece all’inizio, e come accade ad altri duo, in modo meccanico, perché si è troppo concentrati a suonare insieme e ci si irrigidisce un po’”.

Marielle Labèque:

“Delle volte vale la pena rischiare qualcosa, così da imparare a respirare insieme”.

Il repertorio per due pianoforti e orchestra è limitato, così le due sorelle hanno creato una fondazione che incentiva la composizione di nuovi brani e nuovi concerti.

Suonano da sempre Francis Poulenc.

Marielle:

“È un concerto che mi dà molta energia, devo dirlo. Anche Poulenc lo diceva, usava le parole grandezza, energia, violenza.

Io non lo trovo così violento, ma sull’energia ciò che dice è assolutamente vero.

È così ben scritto, è il suo stile, utilizzando gli accordi di altri compositori, un po’ Mozart , un po’ Stravinsky, un po’ Ravel ha creato un proprio linguaggio”.

Katia Labèque:

“È emozionante, romantico, poetico”

Marielle Labèque:

“E anche molto tenero”.

Katia Labèque:“È molto divertente, ma non è mai pretenzioso, mai pesante, mai pomposo”.

Le sorelle Labèque si sentono a casa ovunque, il palcoscenico è il loro elemento.

La sfida comunque c‘è: tutte le volte infatti devono suonare un piano diverso.

Katia Labèque:

“Tutte le sere dobbiamo adattarci a uno strumento diverso, questa è la prima cosa difficile.

È enorme, è un enorme animale nero, non possiamo prenderlo tra le braccia anche se alla fine lo abbracciamo metaforicamente”.

Katia Labèque:

“La cosa miracolosa di tutto questo è che dopo tanti anni abbiamo sempre voglia di suonare insieme. È questa la cosa veramente sorprendente”.

In questo programma potete anche ascoltare:
Francis Poulenc: Concerto per due pianoforti in Do minore.

Per gli extra bonus della nostra intervista con Katia and Marielle Labèque cliccate questo link: http://fr.euronews.net/2011/12/21/interview-avec-les-soeurs-labeque

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra

Con "Champion" il Met vuole conquistare un pubblico più ampio