EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Monte Carlo Jazz Festival: spazio alla musica e al pensiero

In collaborazione con
Monte Carlo Jazz Festival: spazio alla musica e al pensiero
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Si è chiuso all’insegna del virtuosismo l’ultimo Monte Carlo Jazz Festival: a condividere il palcoscenico due forti personalità musicali, Avishai Cohen, contrabbassista israeliano, e Tigran Hamasyan, pianista di origine armena, sulle tracce della musica folk della sua terra.

“Il modo di avvicinarmi a questo tipo di musica, ci dice il giovane Tigran, si traduce nello scrivere melodie che assomigliano alla musica folk armena – in realtà sono io che le ho scritte; è un po’ come imparare una lingua e poi comporre in quella lingua. Qualsiasi tipo di musica folk possiede grandi profondità e ricchezze, ed enormi potenzialità; ci sono infiniti arrangiamenti possibili e tanti modi, anche, di accostarsi a questa musica.

Mi sono avvicinato a questa musica a tredici anni grazie a Keith Jarrett, Jan Garbarek e alla musica di Gurdjieff – sono questi musicisti che mi hanno fatto scoprire la mia musica, e da allora è divenuta parte di me. Ogni volta che suono sono felice, e so che questo è ciò che voglio – provare quelle sensazioni lì… è per questo che sono qui!”

Essere qui, adesso – hic et nunc -, anche questo caratterizza il momento della creazione artistica.

Ma Avishai Cohen fa una distinzione:

“Ci sono due momenti di creazione diversi: uno è quando me ne sto da solo a comporre, e avverto questo flusso… diciamo di energia, di elettricità… è un momento di esaltazione in cui provo sensazioni che non so da dove vengano. E poi c‘è quando sto sul palcoscenico, col gruppo con cui suonerò, e lì c‘è la creazione nel momento preciso in cui suoniamo insieme, ed è una cosa che condivido col pubblico sul momento.”

Per Avishai suonare e cantare contemporaneamente è una conquista recente: “Cantare è stato fonte di grandi patemi all’inizio, mi faceva molta paura ma sapevo che dovevo farlo, e non è facile dopo tanti anni in cui uno fa solo lo strumentista… ma mi ha reso migliore come persona, e più bravo come musicista. Naturalmente è questione di esercizio… ma anche di accettazione della propria voce, di se stesso – è un processo in fieri.”

Nel servizio è possibile ascoltare alcuni momenti dei seguenti pezzi:

“The spinners” e “The legend of the moon”, da: a fable, di Tigran (Verve); e “Seven Seas” e“Dreaming”, da: Seven Seas, di Avishai Cohen (EMI).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra

Con "Champion" il Met vuole conquistare un pubblico più ampio