Cosa ci dicono gli indicatori economici meno conosciuti?

In questa foto di venerdì 14 febbraio 2020, gli edifici del distretto bancario sono visibili dopo il tramonto a Francoforte, in Germania.
In questa foto di venerdì 14 febbraio 2020, gli edifici del distretto bancario sono visibili dopo il tramonto a Francoforte, in Germania. Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Indrabati Lahiri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dal numero di alligatori negli allevamenti ai cadaveri non reclamati: mentre i principali indicatori, come il pil, ci dicono di più sulla situazione macroeconomica di un Paese, quelli meno conosciuti ci parlano delle tendenze e del sentimento dei consumatori

PUBBLICITÀ

Quando si pensa agli indicatori economici la maggior parte delle persone pensa a quelli più comuni, come il prodotto interno lordo (pil), la bilancia dei pagamenti, i tassi di interesse o di cambio. Ma sapevate che, oltre a questi, ce ne sono altri poco conosciuti che possono rivelare cose affascinanti su un'economia?

Mentre i principali indicatori di cui sopra ci dicono di più sulla situazione macroeconomica di un Paese, quelli meno conosciuti possono essere più sottili e ci parlano delle tendenze e del sentimento dei consumatori, nonché del tenore di vita.

Molti di questi indicatori sono quindi particolarmente importanti nei periodi di crisi economica e di prospettive cupe, in quanto ci dicono come le persone stanno affrontando la situazione: possono anche essere considerati indicatori di una recessione.

Di seguito sono riportati alcuni degli indicatori economici più insoliti e ciò che possono dirci di un Paese.

Indicatore dei cadaveri non reclamati

L'indicatore dei cadaveri non reclamati dice sostanzialmente che, in tempi di difficoltà finanziarie, i familiari scelgono di non reclamare i cadaveri per risparmiare sulle spese funerarie, che spesso possono essere molto elevate. In questo modo è lo Stato a pagare le spese funerarie.

Di conseguenza, quanto più alto è il numero di salme non reclamate, tanto più cupe saranno le prospettive economiche. Ad esempio nel 2009, nel pieno della crisi finanziaria, quando i licenziamenti erano alle stelle, città statunitensi come Detroit e Los Angeles hanno registrato un aumento del numero di salme non reclamate.

"Non ho mai visto così tanti corpi non reclamati in 13 anni di lavoro - aveva detto al Times Albert Samuels, investigatore capo dell'obitorio della contea di Wayne, in Michigan -. È iniziato a succedere quando l'economia è andata a rotoli l'anno scorso. Non ho mai visto così tante persone in difficoltà per dare alle persone la loro ultima dimora".

Secondo un recente rapporto della società di servizi finanziari britannica SunLife nel 2024 il costo delle spese funebri nel Regno Unito è aumentato del 5% rispetto al 2023, attestandosi ora a circa 9.658 sterline (11.346,5 euro). Questo dato comprende elementi come un servizio funebre senza fronzoli, le spese di amministrazione della successione, nonché elementi opzionali come una veglia funebre.

Più film e popcorn in tempi di crisi

L'indicatore dei popcorn al burro può essere visto come un indice controciclico dello stato dell'economia, in quanto dice essenzialmente che, nei periodi di recessione, le vendite di popcorn al burro nei cinema aumentano. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che più persone vanno a vedere film, indipendentemente dalla loro qualità, nel tentativo di sfuggire alle preoccupazioni quotidiane e alle ansie finanziarie.

"In sei delle ultime otto recessioni abbiamo assistito a un aumento degli incassi e delle presenze - ha detto a Entertainment Patrick Corcoran, ex portavoce dell'Associazione nazionale dei proprietari di sale cinematografiche -.La gente cerca sollievo dai propri problemi e va al cinema, che è la forma di intrattenimento meno costosa".

Secondo la Motion Picture Association of America una maggiore vendita di biglietti al cinema è stata riscontrata anche durante le recessioni del 1981-82 e del 1973-74.

L'indicatore della popolazione di alligatori

L'indicatore della popolazione di alligatori dice che, durante i periodi di crisi finanziaria, meno persone benestanti spendono in articoli di lusso come borse, scarpe o orologi in pelle di alligatore. Di conseguenza le popolazioni di alligatori negli allevamenti aumentano drasticamente, soprattutto nei luoghi in cui sono abbondanti, come la Louisiana, la Florida, il Texas e la Georgia negli Stati Uniti.

Durante la recessione del 2008-2009, grandi stilisti come Hermes hanno acquistato diverse concerie negli Stati Uniti. Questo ha permesso loro di acquistare una grande quantità di pelli dagli allevatori di alligatori, determinando una situazione di accaparramento.

Questo è riuscito a mettere sotto pressione molti altri stilisti, come il designer di scarpe di lusso Manolo Blahnik. Alcuni stilisti hanno anche scelto di abbandonare del tutto i prodotti in pelle di alligatore, facendo sì che la loro popolazione aumentasse ulteriormente.

Riguardo ai costi di produzione dei prodotti in pelle di alligatore, George D. Malkemus III, presidente di Manolo Blahnik, ha dichiarato al New York Times: "Ogni volta che vado da Neiman Marcus e dico che ogni anno il prezzo aumenta, mi combattono con le unghie e con i denti. Dicono: 'Non ho intenzione di spendere 4.000 dollari per delle scarpe in pelle di alligatore'".

L'indicatore del numero di punture di zanzara

L'indicatore del numero di punture di zanzara indica che, con l'aumento del numero di case vuote e mal tenute, aumentano anche le popolazioni di zanzare, a causa di giardini, pozze d'acqua stagnante ed erba non tagliata. In questo contesto l'aumento delle popolazioni e delle punture di zanzare potrebbe essere un segnale di un mercato immobiliare disfunzionale.

Nel novembre 2023 l'Inghilterra e il Galles contavano circa 261.189 proprietà vuote, con un aumento di 12.556 unità rispetto all'anno precedente. Un portavoce del Department of Levelling Up, Housing and Communities ha dichiarato al Guardian: "Tutti i bambini meritano un posto sicuro e decente da chiamare casa. Stiamo spendendo 1 miliardo di sterline per affrontare il problema dei senzatetto e portare le famiglie in alloggi permanenti. Abbiamo dato ai consigli il potere di aumentare le tasse comunali fino al 300% per le proprietà vuote a lungo termine e di rilevare le case vuote con ordini di acquisto obbligatorio e ordini di gestione delle abitazioni vuote".

L'indicatore del primo appuntamento

L'indicatore del primo appuntamento dice che le persone sono di solito più propense a chiedere agli altri di uscire durante la recessione, perché si sentono più sole o ansiose. Nel 2008 il sito di incontri online Match.com ha registrato il suo quarto trimestre più solido degli ultimi sette anni.

PUBBLICITÀ

Anche altri servizi di matchmaking, come Amy Laurent International, hanno registrato un aumento del 40% delle donne sul mercato degli appuntamenti tra novembre 2008 e febbraio 2009. "In un momento in cui la situazione economica è incerta, quando le persone valutano le loro priorità, non vogliono affrontarle da sole - ha detto al New York Times Pepper Schwartz, professore di sociologia all'Università di Washington -.Quando non si è sicuri di ciò che ci aspetta, l'amore sembra ancora più importante".

In tempi di recessione le persone sono meno propense a spendere soldi per andare al bar o agli eventi sociali e incontrare persone nella vita reale. Questa tendenza contribuisce anche a un maggiore utilizzo di app e siti web di incontri durante i periodi di crisi economica, in quanto tendono ad essere più economici, con una gamma molto più ampia di persone disponibili.

Capelli più corti durante la recessione

L'indicatore del taglio di capelli in Giappone dice che le donne giapponesi portano i capelli lunghi quando l'economia è in crescita e corti quando c'è una crisi. Ad esempio, quando il Giappone ha affrontato una crisi economica negli anni '90, un numero maggiore di donne tendeva ad avere i capelli corti, tipicamente sopra la clavicola. Questo fenomeno si è ripetuto durante la recessione del 2008-2009.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che in alcuni casi la cura dei capelli è vista come un lusso, soprattutto quando i soldi sono pochi, il che porta a prediligere tagli più corti e più facili da mantenere durante i peridodi di recessione.

Secondo un sondaggio condotto dall'azienda cosmetica Kao un terzo degli intervistati nel Regno Unito ha rivelato che le visite in salone li fanno sentire più sicuri di sé. Quasi il 70% degli intervistati ritiene inoltre che andare dal parrucchiere sia un'opportunità fondamentale per la cura di sé, mentre il 51% ritiene che il proprio parrucchiere sia vicino a loro come un amico.

PUBBLICITÀ

Peter F.Pfister, presidente dell'associazione di categoria Intercoiffure Mondial, ha dichiarato a Kao: "Quando le persone vanno dal parrucchiere, non pagano solo per un buon taglio di capelli, ma anche per essere coccolati o per prendersi una pausa dalla vita quotidiana".

Dalle armi al caviale

L'indice guns-to-caviar misura l'ammontare dei fondi spesi dai governi per i jet da combattimento (armi), rispetto a quelli spesi dall'élite globale per i jet privati (caviale). Ciò può gettare una luce considerevole sui periodi di tensioni geopolitiche, in cui i bilanci della difesa possono essere aumentati, e sui periodi di relativa calma globale, in cui i ricchi possono spendere in modo più sfarzoso.

Ad esempio, alla fine degli anni '80, grazie ai fondi per la difesa avanzati dalla Guerra Fredda, l'indice "guns to caviar" ha subito un'impennata a causa delle spese elevate per i jet da combattimento. Tuttavia, tra la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila, l'indice è nuovamente sceso a causa del boom delle dot.com e del relativo periodo di calma globale.

Vale la pena notare che questo potrebbe non essere un indice molto affidabile, a causa dell'intervallo di tempo che intercorre tra gli ordini di aerei e i tempi di consegna effettivi. Richard Aboulafia, analista del Teal Group e creatore di questo indicatore, ha dichiarato a Slate: "I bilanci della difesa aumentano con le minacce e la percezione delle minacce, e la liquidità filtra verso il basso: gli aerei di solito vengono consegnati due anni dopo essere stati ordinati".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?