Ecco i Paesi europei più colpiti dall'inflazione

Un cassiere cambia una banconota da 50 euro in dollari USA presso uno sportello di cambio a Roma, Italia
Un cassiere cambia una banconota da 50 euro in dollari USA presso uno sportello di cambio a Roma, Italia Diritti d'autore Gregorio Borgia/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Gregorio Borgia/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Servet Yanatma
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'inflazione annua nell'Ue e nella zona euro continua a mostrare segni di attenuazione: a gennaio l'inflazione era in calo in 15 paesi dell'Ue.

PUBBLICITÀ

Nei Paesi dell'Unione europea, l'inflazione è scesa gradualmente e costantemente dal picco dell'11,5% dell'ottobre 2022. Secondo Eurostat, l'ufficio statistico dell'Ue, a gennaio 2024 l'inflazione annuale nell'UE era del 3,1%, in calo rispetto al 3,4% di dicembre.

Questo dato è in netto contrasto con quello dello stesso periodo dell'anno scorso, quando era pari al 10,0%.

Allo stesso tempo, il tasso d'inflazione annuale dell'area dell'euro si è attestato al 2,8% nel gennaio 2024, in calo rispetto al 2,9% di dicembre e notevolmente inferiore all'8,6% registrato nel gennaio 2023.

I prezzi aumentano più lentamente

Il calo dell'inflazione indica che i prezzi al consumo stanno aumentando più lentamente rispetto al passato, sebbene siano ancora in crescita. L'inflazione negativa, o deflazione, si verifica invece quando i prezzi scendono in un'economia. A gennaio, ad esempio, i prezzi dell'energia nell'Ue sono stati inferiori a quelli dell'anno precedente.

La stima preliminare di Eurostat, pubblicata il 1° marzo, mostra che l'inflazione annuale nell'area dell'euro è scesa al 2,6% a febbraio, rispetto al 2,8% di gennaio. Tuttavia, è ancora al di sopra del tasso di inflazione target della Banca Centrale Europea (BCE) del 2%.

Il tasso d'inflazione, misurato dall'Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IAPC), è molto diverso nei vari Paesi europei. Certo, nella maggior parte dei Paesi dell'Ue l'inflazione si è calmata, ma nessuno di essi ha registrato un dato negativo sull'inflazione a gennaio su base annua.

Nell'ottobre 2022 l'inflazione ha raggiunto il tasso più alto degli ultimi quattro decenni.

La crisi legata al COVID-19 è stata seguita da un'impennata significativa dei prezzi dei principali beni di consumo, come mostra il rapporto dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) del 2023. I prezzi hanno iniziato a salire nel 2021 a causa della rapida ripresa dopo la pandemia e delle relative strozzature della catena di approvvigionamento.

Anche l'invasione dell'Ucraina ha causato un nuovo aumento dell'inflazione, in particolare sui prezzi dell'energia.

Tra il 1997 e la fine del 2021, il tasso di inflazione annuale più alto dell'UE, pari al 4,4%, è stato registrato nel luglio 2008.

L'inflazione più alta: Romania

I dati di gennaio 2024 mostrano che l'inflazione annuale varia dallo 0,9% al 7,3% nell'UE. La Romania ha registrato il tasso più alto, pari al 7,3%, seguita da Estonia ed Estonia (5%), Croazia (4,8%) e Polonia (4,5%).

L'inflazione più bassa: Danimarca e Italia

Danimarca e Italia hanno registrato i tassi di inflazione annuali più bassi, pari allo 0,9%. Seguono Lettonia, Lituania e Finlandia con l'1,1%.

Tra gli altri grandi Paesi dell'Ue, il tasso d'inflazione è stato superiore alla media europea per Spagna (3,5%) e Francia (3,4%), mentre la Germania (3,1%) ha registrato lo stesso livello medio dell'Ue. L'inflazione nel Regno Unito è stata del 4,2%.

Rispetto a dicembre, l'inflazione annuale è diminuita in 15 Paesi dell'UE, è rimasta stabile in uno ed è aumentata in altri 11.

L'inflazione è più alta nei Paesi candidati all'adesione all'Ue

Tutti e cinque i Paesi candidati per i quali Eurostat ha fornito dati hanno rivelato tassi d'inflazione annuali più alti rispetto alla media dell'Unione.

La Turchia è stata un'eccezione particolarmente estrema, con un tasso del 64,9%. In realtà, i partiti di opposizione e l'ex capo di TurkStat sostengono che i dati ufficiali sull'inflazione siano stati manipolati. 

Previsto un calo in 11 Paesi su 20 a febbraio

Secondo la stima preliminare di Eurostat, a febbraio l'inflazione annuale dovrebbe diminuire in 11 dei 20 Paesi dell'area dell'euro rispetto a gennaio.

La Slovacchia ha registrato il calo maggiore, corrispondente a 0,7 punti percentuali, passando dal 4,4% al 3,7%, seguita dal calo di 0,6 punti in Spagna, Malta ed Estonia.

PUBBLICITÀ

Secondo le stime, invece, l'inflazione a febbraio è aumentata in quattro Paesi: Belgio (2,1 punti percentuali), Lussemburgo (0,2 punti percentuali), Cipro e Finlandia (entrambi 0,1 punti percentuali).

Nell'area euro, la Croazia avrebbe registrato il tasso d'inflazione annuale più alto a febbraio 2024, pari al 4,8%, mentre la Lettonia avrebbe registrato il tasso più basso, pari allo 0,9%.

Per quanto riguarda le principali componenti dell'inflazione della zona euro, si prevede che il cibo, l'alcol e il tabacco avranno il tasso annuale più alto a febbraio (4,0%, rispetto al 5,6% di gennaio). Seguono i servizi (3,9%, rispetto al 4,0% di gennaio) e i beni industriali non energetici (1,6%, rispetto al 2,0% di gennaio).

Il prezzo dell'energia, invece, continuerà a calare, con un -3,7%, in notevole calo rispetto al -6,1% di gennaio.

A gennaio, l'inflazione dei beni alimentari non lavorati è stata del 6,9%, mentre a febbraio è scesa al 2,2%. Questa potrebbe essere una buona notizia in particolare per le famiglie a basso reddito, poiché l'inflazione alimentare reale, ovvero il tasso di inflazione alimentare meno l'inflazione generale, sta esercitando una forte pressione in particolare sui consumatori meno abbienti.

PUBBLICITÀ

L'inflazione sui prodotti alimentari e sulle bevande analcoliche è stata del 5,4% nell'area dell'euro, con un'inflazione alimentare reale del 2,8% a gennaio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?