L'IA? Sì, ma usata insieme al talento umano. Lo dice un professore della NYU

Persone si specchiano in una finestra di un edificio sulla Promenade di Davos con uno slogan sull'intelligenza artificiale accanto al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, giovedì 18 gennaio 2024.
Persone si specchiano in una finestra di un edificio sulla Promenade di Davos con uno slogan sull'intelligenza artificiale accanto al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, giovedì 18 gennaio 2024. Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Indrabati Lahiri
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo il professore della New York University Arun Sundararanjan, le persone che riescono a trovare un modo per integrare l'IA con le loro capacità e caratteristiche uniche, tipiche degli essere umani, potrebbero avere un vantaggio rispetto a chi preferisce tenersi alla larga dall'IA.

PUBBLICITÀ

"Penso che le persone che capiscono come trarre vantaggio dall'IA per integrare la loro umanità riusciranno a vivere più facilmente rispetto a quelle che cercano di evitare l'intelligenza artificiale". Sono le parole di Arun Sundararanjan, professore alla New York University.

"Perciò un primo passo importante per capire ciò che ci aspetta è proprio imparare a usare l'intelligenza artificiale, per capire cosa è già in grado di fare e cosa saprà fare tra un paio d'anni. Ma soprattutto per comprendere come possiamo essere ancora utili come esseri umani", prosegue Sundaranjan.

Come possono gli imprenditori utilizzare l'IA per integrare le loro capacità umane?

Secondo Sundararajan, l'IA può essere più utile nelle situazioni in cui si occupa dei compiti di routine o che richiedono più tempo, come rispondere alle e-mail, creare presentazioni, scrivere infinite righe di codice e così via.

Un primo passo importante per capire ciò che ci aspetta è proprio imparare a usare l'intelligenza artificiale, per capire cosa è già in grado di fare e cosa saprà fare tra un paio d'anni. Ma soprattutto per comprendere come possiamo essere ancora utili come esseri umani.
Arun Sundararanjan
Professore alla New York University.

In questo modo gli imprenditori sono liberi di gestire i compiti più creativi o delicati, come l'ideazione. Questo si estende all'ideazione di nuovi prodotti, alla ricerca di nuovi mercati di riferimento e a nuovi modi per migliorare e rinnovare i prodotti esistenti.

In questo modo, combinando il meglio delle capacità umane e dell'intelligenza artificiale, gli imprenditori possono offrire ai loro clienti prodotti più efficienti e di qualità superiore, pur mantenendo il tocco e la capacità umane.

"Secondo me, una delle più grandi promesse dell'IA, e in particolare dell'IA generativa, è la possibilità di dare alle persone capacità che non hanno e di creare una generazione completamente nuova di microimprenditori", spiega Sundararanjan, che sottolinea inoltre che, in molti casi, anche persone che non pensano di avere la stoffa dell'imprenditore possono diventarlo grazie alle opportunità offerte dall'IA generativa.

Allo stesso modo, nel campo dell'istruzione, sia gli imprenditori che gli educatori possono utilizzare l'IA per fornire un'istruzione di alta qualità alle comunità svantaggiate o ai Paesi meno sviluppati che non sempre hanno le stesse opportunità.

I confini tra IA e uomini sono fondamentali

A prescindere dai progressi che l'IA potrebbe contribuire a realizzare nei luoghi di lavoro, tuttavia, è necessario stabilire un confine tra tecnologia e capacità umane, al fine di incoraggiare l'imprenditorialità e proteggere i posti di lavoro.

"Penso che molte aziende personalizzeranno l'IA basandosi sui loro migliori dipendenti, copiando il modo in cui svolgono il loro lavoro, il modo in cui scrivono proposte commerciali di successo e buoni contenuti di marketing", spiega Sundararajan.

Una delle più grandi promesse dell'IA è la possibilità di dare alle persone capacità che non hanno e di creare una generazione completamente nuova di microimprenditori.
Arun Sundararanjan
Professore alla New York University

"E penso che sia un pericolo per il dipendente, perché se le sue capacità iniziano a essere replicate in un sistema di IA che potrebbe essere stato sviluppato inizialmente per aiutarlo a lavorare, cosa succede quando lascerà l'azienda? Il vostro "assistente virtuale", che è diventato ormai il vostro gemello digitale, potrebbe essere utilizzato anche dopo la vostra partenza dall'azienda e qualcuno che viene pagato la metà di voi potrebbe finire per essere produttivo quasi quanto voi, perché riesce a copiare il vostro capitale intellettuale".

A breve termine, dunque, sebbene l'IA possa contribuire a liberare parte del carico di lavoro dei dipendenti, potrebbe anche scoraggiare i dipendenti più performanti dal dare il meglio di sé in un lavoro, per paura di essere facilmente sostituiti dall'IA. A lungo termine, questo potrebbe portare a un aumento del numero di dipendenti sottopagati e a una perdita di posti di lavoro in generale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il dilemma della difesa europea: la difficoltà di soppesare costi e benefici

The Big Question: l'eccessivo uso di cloud può avere un impatto negativo sull'ambiente?

Qual è il miglior Paese in Europa per le donne che lavorano?