Soggiorni più lunghi e basati sulle esperienze: ecco come sta cambiando il turismo

Soggiorni più lunghi e basati sulle esperienze: ecco come sta cambiando il turismo
Diritti d'autore euronews
Di Damon Embling
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli addetti ai lavori hanno discusso del futuro del settore al World Travel Market di Londra, uno dei principali eventi globali dedicati ai viaggi e al turismo

PUBBLICITÀ

Il World Travel Market di Londra è uno dei principali eventi mondiali dedicati ai viaggi e al turismo. Migliaia di addetti ai lavori si ritrovano per concludere accordi, discutere e confrontarsi, mentre il settore continua la sua risalita dopo la pandemia.

"I viaggi di piacere sono solo il 10% al di sotto dei livelli del 2019 - dice Dave Goodger, direttore generale di Tourism Economics per Europa, Medio Oriente e Africa -. Ma va detto che il 2019 è stato un anno di picco. Il volume di viaggi di quest'anno è stato superato solo in tre occasioni".

Le incertezze economiche e geopolitiche, un'estate di tempature sopra la media e i grandi incendi in molti Paesi, tra cui la Grecia, non hanno frenato la ripresa del turismo. "Per quanto riguarda il turismo direi che la sfida principale a lungo termine è rappresentata dalla crisi climatica - dice Dimitris Frangakis, segretario generale dell'organizzazione nazionale del turismo greco -. La Grecia ha un piano specifico fino al 2030 per raggiungere la sostenibilità ambientale, affrontare le conseguenze del cambiamento climatico e adattarsi alla nuova realtà".

Valencia attrae i turisti con le sue spiagge, le sue bellezze naturali e la sua storia. Riconosciuta per il turismo sostenibile, la città è stata nominata Capitale Verde Europea 2024. "La vecchia sorgente del fiume è ora una grande area verde, con un ampio viale - dice Carlos Mazón Guixot, presidente del governo regionale -. Stiamo lavorando sul trasporto pubblico. Per noi è molto importante usare le nuove tecnologie energetiche. Non per un solo anno, ma per il resto della vita".

Dopo la pandemia sostenibilità significa anche tenere sotto controllo il numero dei turisti. Venezia, ad esempio, ha in programma di far pagare ai visitatori un ticket di ingresso giornaliero di cinque euro a partire dal 2024. Anche altre destinazioni, come la Croazia, stanno pensando a quali soluzioni adottare per limitare il numero di turisti.

"Non possiamo dire di avere un eccesso di turisti, forse solo in alcune città come Dubrovnik - dice Martina Srnec dell'ente nazionale per il turismo -. Come Paese non abbiamo ancora adottato misure specifiche. Ma per le autorità locali e i legislatori è il momento giusto di iniziare a pensarci. È importante, perché vogliamo preservare il nostro Paese così com'è oggi".

La Thailandia ha deciso di puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità, adottando una strategia che punta ad attirare i turisti nelle località meno conosciute. "Siamo concentrati sulla qualità dell'esperienza dei turisti in Thailandia - dice Siripakorn Cheawsamoot, vice governatore dell'autorità del turismo della Thailandia -. Il secondo aspetto riguarda la dispersione del numero di turisti. Vogliamo che scoprano nuove destinazioni ed entrino in contatto con la comunità locale. È così che stiamo procedendo".

Anche i gusti dei viaggiatori si stanno evolvendo. Secondo una ricerca del World Travel Market per i Millennials e la Generazione Z il concetto di esperienza è sempre più centrale. E c'è una tendenza a soggiornare più a lungo nelle destinazioni turistiche.

"C'è una maggiore attenzione alla sostenibilità - dice Vasyl Zhygalo di World Travel Market -. Le chiamano vacanze lente: si fanno meno vacanze, ma molto più lunghe. E sono focalizzate sulle esperienze, piuttosto che, ad esempio, prendere il sole".

Il Marocco è tra i Paesi che ha adottato una strategia basata sulle esperienze: l'obiettivo è attirare 26 milioni di turisti all'anno entro il 2030, quasi il doppio rispetto a quest'anno. "Le persone vogliono vivere esperienze autentiche - dice Fatim-Zahra Ammor, ministro del Turismo del Marocco -. Vogliono entrare in contatto con la natura, provare la cucina locale e incontrare la gente del posto. E vogliono stare all'aria aperta: fare lunghe passeggiate, andare in montagna".

Secondo le stime degli adetti ai lavori il settore dei viaggi e del turismo tornerà ai livelli pre-pandemia nel giro di due anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Investimenti e transizione verde al centro del vertice dei Paesi Speca a Baku

Investimenti e sostenibilità: gli sforzi di Riad per ottenere Expo 2030

In che modo la Podlachia sta trasformando la sua industria alimentare?