EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Dall'eolico alle batterie: l'Europa investe nell'industria net zero

In collaborazione con The European Commission
Dall'eolico alle batterie: l'Europa investe nell'industria net zero
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Andrea Bolitho
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Europa sta investendo milioni di euro in accademie specializzate per colmare l'enorme carenza di personale qualificato nei settori net zero come la produzione di batterie, il solare e l'eolico

C'è un'enorme carenza di personale qualificato nei settori net zero come le batterie, il solare e l'eolico. L'Europa sta investendo milioni di euro in accademie specializzate. Grenoble ospita una delle prime accademie europee per le batterie, frutto della collaborazione tra le aziende, tra cui il produttore locale di batterie Verkor, e diverse altre istituzioni e laboratori locali.

Secondo le stime della Commissione europea, il solo settore delle batterie avrà bisogno di 800.000 persone da formare o riqualificare entro il 2025. Nel nord della Francia sono in fase di costruzione tre grandi fabbriche di batterie, tra cui il nuovo impianto di Verkor vicino a Dunkerque, che fornirà le batterie per la nuova gamma di veicoli Alpine di Renault.

"Oggi le competenze, soprattutto per quanto riguarda la produzione di batterie, si trovano principalmente in Asia e negli Stati Uniti - dice Emilie Rondet, project manager dell'accademia di Grenoble -. A noi mancano queste competenze, perché la transizione è appena cominciata. Quindi, affinché le aziende europee e francesi possano insediarsi in questo settore, dobbiamo formare persone con queste competenze".

La Commissione europea ha lanciato l'accademia dell'Alleanza europea delle batterie nel 2021 con una sovvenzione di 10 milioni di euro. "L'Accademia comprende una rete di scuole che ha l'obiettivo di formare giovani studenti che stanno continuando gli studi o che sono solo all'inizio - dice Rondet - nonché dipendenti che hanno bisogno di riqualificarsi, passando dal lavoro con i veicoli termici a quelli elettrici.

La presidente della Commissione europea Ursula von de Leyen ha designato il 2023 come Anno europeo delle competenze. La Commissione intende istituire accademie per l'industria Net Zero e ha già stanziato 5,5 milioni di euro.

Le aziende hanno bisogno di lavoratori specializzati, ad esempio nell'installazione di pompe di calore e pannelli solari. Inoltre, servono lavoratori altamente specializzati anche nel digitale e nella sostenibilità. A Lione Iten produce microbatterie ricaricabili, utilizzate in numerosi dispositivi, dalle carte di pagamento intelligenti agli impianti medici.

"La tecnologia si evolve molto rapidamente e per noi è fondamentale avere competenze che si evolvano al passo con queste esigenze - dice Fabien Gaben, amministratore delegato di Iten -. Per questo motivo in Iten abbiamo sviluppato i nostri processi di produzione, i nostri prodotti e abbiamo assunto esperti in ciascuno dei settori in cui siamo impegnati. Collaboriamo molto con laboratori e università, che ci aiutano a sviluppare e formare il personale in queste competenze completamente nuove".

Sebbene l'Europa sia in ritardo rispetto alla Cina in alcune aree Net Zero, Fabien Gaben ritiene che sia in vantaggio quando si tratta di sostenibilità. "Tutte le nuove industrie che stanno nascendo in Europa integreranno queste tematiche di eco-design - dice Gaben -. Questo gli darà un vantaggio rispetto alle industrie di altri continenti".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

A Debrecen non vogliono la fabbrica cinese di batterie elettriche: rischio inquinamento dell'acqua

La Sicilia può diventare un hub energetico per l'Europa