EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'Eurozona evita la contrazione nell'ultimo trimestre del 2022 con un margine molto limitato

L'economia dell'Eurozona è cresciuta molto modestamente negli ultimi mesi del 2022
L'economia dell'Eurozona è cresciuta molto modestamente negli ultimi mesi del 2022 Diritti d'autore Michael Sohn/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Michael Sohn/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'Eurozona ha evitato la contrazione nell'ultimo trimestre del 2022 anche se permane una situazione di difficoltà ancora legata all'onda lunga del Covid e all'approvvigionamento energetico.

PUBBLICITÀ

La zona euro ha continuato a sfidare le previsioni mostrando una crescita economica nell'ultimo trimestre del 2022, un periodo in cui la maggior parte degli analisti e degli investitori si aspettava una contrazione.

Secondo i dati preliminari diffusi da Eurostat martedì mattina, nel quarto trimestre dell'anno scorso il blocco di 20 paesi è cresciuto di un modestissimo 0,1% rispetto al trimestre precedente, in cui aveva registrato un'espansione dello 0,3%.

Questo  significa la stima di un  tasso di crescita  del 3,5% per l'intero anno.

"Buone notizie: l'area dell'euro ha evitato una contrazione nell'ultimo trimestre del 2022. Continuiamo ad affrontare molteplici sfide, ma le prospettive per quest'anno sembrano un po' più brillanti oggi rispetto all'autunno".
Paolo Gentiloni
Commissario europeo per l'economia

Lo sviluppo conferma una crescente tendenza all'ottimismo che sta gradualmente allontanando lo spettro di una temuta recessione causata dalla guerra della Russia in Ucraina, dalla crisi energetica e dall'impennata dell'inflazione.

Nelle ultime settimane, il Fondo Monetario Internazionale, J.P. Morgan e Goldman Sachs hanno rivisto al rialzo le loro previsioni per il 2023 per l'Eurozona, valutazioni di un panorama economico senza precedenti.

Non terribile, ma nemmeno buona

Si parla di recessione tecnica quando per due trimestri consecutivi si registra una contrazione dell'economia, anche se altri fattori, come l'occupazione, i salari e gli investimenti esteri, possono essere presi in considerazione . Infatti una nuova ondata di infezioni da COVID-19 e di restrizioni di sicurezza ha spinto il blocco in una doppia recessione.

"Eravamo tutti molto pessimisti dopo l'estate, perché i prezzi del gas sono saliti alle stelle dopo che la Russia ha interrotto le esportazioni di gas verso l'Europa. Tutti prevedevano un periodo molto difficile durante l'inverno", ha dichiarato a Euronews Grégory Claeys, senior fellow di Bruegel, un think tank economico con sede a Bruxelles, dopo la pubblicazione dei dati sul PIL.

Il forte stoccaggio di gas nel sottosuolo, gli acquisti di gas naturale liquefatto (GNL) non russo, il continuo sostegno fiscale, i piani di risparmio energetico in tutta l'UE e un inverno più mite del solito hanno contribuito ad attenuare l'impatto più devastante della crisi energetica, ha osservato Claeys, compreso il temuto scenario di razionamento obbligatorio del gas e di chiusura di massa delle industrie.

Ma l'incertezza è ancora alta, dato che la Russia non dà segni di voler interrompere a breve l'invasione dell'Ucraina. Inoltre, il continente deve affrontare il difficile compito di riempire i propri depositi sotterranei senza il gas russo prima dell'arrivo del prossimo inverno.

"Non è una situazione terribile, ma nemmeno positiva", ha detto Claeys.

Contratti in Germania

I dati di Eurostat mostrano un quadro eterogeneo in tutta la zona euro: Belgio (0,1%), Spagna (0,2%), Francia (0,1%), Lettonia (0,3%) e Portogallo (0,2%) sono tra coloro che hanno registrato tassi di crescita positivi, anche se limitati.

Sono invece in contrazione Italia (-0,1%), Lituania (-1,7%) e Austria (-0,7%).

La Germania, potenza industriale del blocco, ha registrato un tasso negativo peggiore del previsto (-0,2%) dopo diversi trimestri di crescita moderata.

La flessione è stata legata al calo della spesa per i consumi a causa del persistere di un'inflazione elevata.

L'Irlanda è rimasta il Paese con la migliore performance, con un impressionante tasso del 3,5% nel quarto trimestre.

Le statistiche sul PIL irlandese sono state criticate da alcuni economisti in quanto fuorvianti e poco aggiornate, in quanto fortemente influenzate dagli investimenti esteri delle multinazionali che cercano di trarre vantaggio dal noto sistema di bassa tassazione del Paese.

"Il dato dell'eurozona è falsato da quello dell'Irlanda - ha detto Claeys - forse, senza il dato dell'Irlanda, la zona euro avrebbe registrato una crescita negativa nell'ultimo trimestre del 2022".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Finlandia, ecco il primo terminal Gnl per affrancarsi dal gas russo

Economia britannica in frenata: -0,3 % ad agosto e la sterlina perde valore

Perché la guerra ucraina ha conseguenze sull'agricoltura mondiale