Eurostat. inflazione in calo a dicembre. L’Italia tra i cinque Paesi con i maggiori rincari

Eurostat
Eurostat Diritti d'autore Michael Probst/Copyright 2021 The AP. All rights reserved
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Forse una piccola tregua per i consumatori europei alle prese con l'aumento del costo della vita. Gli ultimi dati mostrano che l'euro fatica a riprendersi sul dollaro. Ma l'inflazione nella zona euro scende

PUBBLICITÀ

Forse una piccola tregua per i consumatori europei alle prese con l'aumento del costo della vita. Gli ultimi dati mostrano che l'euro fatica a riprendersi sul dollaro. Ma l'inflazione nella zona-euro scende. Dopo i dati dei singoli Paesi, l’Eurostat ha reso che noto che nell’ultimo mese del 2022 si è attestata al 9,2%. E secondo gli analisti il trend positivo dovrebbe proseguire. 

Zsolt Darvas, analista del think tank “Bruegel” ci spiega che “Ora stiamo assistendo a un cambiamento di tendenza dell'inflazione. Penso che continuerà a diminuire per tutto il 2023. E le ragioni principali sono in primo luogo due: i prezzi dell'energia che stanno ora diminuendo, il che implica che il costo per le aziende e anche i grandi magazzini stanno scendendo Non c'è alcuna pressione per aumentare i prezzi. In secondo luogo i salari sono aumentati molto meno dell'inflazione, il che implica che i consumatori hanno un potere d'acquisto ridotto e consumeranno meno beni e servizi".

I consumatori di tutta Europa sono stati travolti dall'aumento dei costi energetici da quando la Russa ha invaso l’Ucraina lo scorso febbraio. L'energia è ancora un fattore principale in termini di inflazione. Gli ultimi dati indicano tuttavia che i costi del settore energetico stanno diminuendo.

I prezzi dell’energia sono scesi al 25,7%, in calo rispetto al 41,5% di ottobre. Il comparto alimentare ha visto una contrazione più moderata, passando dal 13,8% al 12,% nell'ultimo mese. Resta tuttavia improbabile che il rallentamento della crescita dei prezzi convinca la Banca centrale europea a non alzare ancora i tassi di interesse. La maggior parte degli Stati membri che utilizzano l'euro ha visto diminuire l'inflazione nell'ultimo mese, con un netto calo in Germania al 9,6% a dicembre.

Guardando alle principali componenti dell'inflazione dell'area dell'euro, si prevede che l'energia avrà il tasso annuo più alto a dicembre (ma in calo al 25,7%, rispetto al 34,9% di novembre), seguita da cibo, alcol e tabacco (13,8%, rispetto al 13,6% di novembre), beni industriali non energetici (6,4%, rispetto al 6,1% di novembre).

L’Italia è tra i Paesi con i maggiori rincari. L’indice dei prezzi al consumo armonizzato si è attestato al 12,3% anno su anno (+0,2 sul mese precedente) contro il 9,6% della Germania, il 6,7% della Francia e il 5,6% della Spagna.

I Paesi dell’est Europa sono quelli che hanno registrato tassi altissimi: oltre il 20% in Lettonia e Lituania, 17,5% in Estonia, 15% in Slovacchia. Male anche l’Olanda, con un tasso dell’11% anno su anno e un +0,7% sul mese precedente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

BCE, verso un taglio dei tassi d'interesse nel 2024?

Di quanti soldi hai bisogno per essere felice? Gli Europei si accontentano di meno

Fiumi, uccelli, cultura: ecco i temi selezionati per le nuove banconote in euro