EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

IATA: i ricavi delle compagnie aeree sono crollati del 60,9%

IATA: i ricavi delle compagnie aeree sono crollati del 60,9%
Diritti d'autore Esteban Felix/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Esteban Felix/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di euronews Agenzie:  EFE, AFP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alexandre de Juniac, direttore generale: "La crisi è stata devastante e inesorabile per il settore aereo"

PUBBLICITÀ

Il trasporto aereo mondiale perderà quest'anno circa 100 miliardi di euro e, anche se la situazione dovesse migliorare, nel 2021 si stima che chiuderà in rosso, con perdite da 32 miliardi di euro. Lo ha annunciato questo martedì l'Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA).

Le prospettive negative per uno dei settori più colpiti dalla pandemia di Covid-19, annunciate all'assemblea generale annuale dell'associazione, danno un quadro ben peggiore rispetto alle previsioni di giugno, quando si calcolavano perdite nette di 70 miliardi di euro, entro fine 2020 e di 13 miliardi di euro, per l'anno successivo.

"La crisi è stata devastante e inesorabile", ha detto il direttore generale della IATA, Alexandre de Juniac. "Le compagnie aeree hanno tagliato i costi del 45,8%, ma i ricavi sono crollati del 60,9% e di conseguenza perderanno 55 euro, per ogni passeggero trasportato quest'anno".

La IATA, che riunisce circa 300 compagnie aeree mondiali, prevede che il prossimo anno vivrà un "primo semestre difficile" con miglioramenti all'orizzonte, accompagnato da un aumento della domanda con la riapertura delle frontiere e la disponibilità di vaccini anti Covid.

Questo permette all'associazione delle compagnie aeree di aspettarsi che nell'ultimo trimestre del 2021 si tornerà in positivo, anche se per raggiungere questa situazione, De Juniac ha sottolineato che "le frontiere devono essere riaperte in sicurezza e senza quarantena, in modo che le persone possano volare di nuovo".

Secondo le stime della IATA, entro il 2020 le compagnie aeree avranno visto diminuire le loro entrate del 61%, passando da 706 miliardi di euro nel 2019 a 276 miliardi quest'anno.

IATA, infine, stima che entro il 2020 il traffico passeggeri sarà diminuito del 60,5% su base annua, passando da 4,5 miliardi nel 2019 a 1,8 miliardi nel 2020.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19, British Airways e EasyJet preannunciano ulteriori riduzioni dei voli

Champagne: vendite in calo per i dazi e la crisi economica, via libera alla raccolta ridotta

Caos informatico: le aziende colpite dal blocco ai sistemi Microsoft