EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bufera economica da Covid-19: i titoli "rifugio" sono quelli tecnologici

Bufera economica da Covid-19: i titoli "rifugio" sono quelli tecnologici
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Amazon, Microsoft, Apple sono le aziende che hanno retto meglio alla crisi globale. E sono loro le aziende "smart" a cui gli investitori si stanno rivolgendo, per l'acquisto di titoli "rifugio". In Europa, sono Francia e Italia a trascinare l'economia del Vecchio Continente.

PUBBLICITÀ

La notizia arriva da Wall Street: il bene "rifugio" di questa epoca Covid-19 è rappresentato dai titoli tecnologici.

Gli investitori stanno, infatti, acquistando soprattutto le azioni di aziende smart, quelle hanno meglio retto l'urto della crisi globale sanitaria e economica.

Le aziende on-line hanno retto l'urto, anzi: hanno guadagnato

In questa settimana, la stessa Wall Street ha registrato il suo sesto guadagno in sette giorni, Amazon è cresciuta del 2,7%, Microsoft ha guadagnato il 2,2% e Apple è in rialzo del 2,3%.

La prossima settimana le principali aziende *tradizionali" dovranno presentare i risultati trimestrali. E per loro ci si aspetta che siano risultati pessimi.

Italia e Francia trascinano il Vecchio Continente

L'ingresso della Borsa a Piazza Affari, a Milano.

In Europa, sono soprattutto le azioni italiane e francesi a risollevare l'economia del Vecchio Continente.
Piazza Affari a Milano è a +0,7% grazie ad una ripresa della produzione industriale a maggio del 42,1% rispetto ad aprile.
Il CAC 40 (l'indice di borsa delle 40 aziende piû grandi) francese è cresciuto dello 0,3% con l'aumento della produzione del 19,6%, sempre a maggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crollo totale del prezzo del petrolio, Wall Street in rosso

Il coronavirus sta per innescare una crisi economica come quella del 2008

Crollano le borse europee: in fumo 1300 miliardi in due settimane