Easyjet "cyberattaccata". Sottratti i dati di 9 milioni di clienti

Easyjet "cyberattaccata". Sottratti i dati di 9 milioni di clienti
Diritti d'autore AP
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli hacker sarebbero venuti in possesso anche di 2.208 dettagli di carte di credito

PUBBLICITÀ

Periodo nero per le compagnie aeree di tutto il mondo. Come se non bastasse la pandemia di Covid-19, Easyjet ha annunciato di essere stata vittima di un cyberattacco. Il vettore low cost ha fatto sapere che i dati di circa 9 milioni di clienti, compresi 2.208 dettagli delle carte di credito, sono finiti nelle mani degli hacker che hanno attaccato i suoi server.

È quanto è emerso da un'indagine interna, che ha portato la società inglese a notificare l'accaduto  al National Cyber Security Center e all'Information Commissioner’s Office (Ico). "Non ci sono prove che informazioni personali di qualsiasi natura siano state utilizzate in modo improprio", sottolinea la compagnia. "Tuttavia, su raccomandazione dell’Ico, stiamo comunicando con i circa 9 milioni di clienti, i cui dettagli di viaggio sono stati accessibili, per avvisarli di misure protettive per ridurre al minimo qualsiasi rischio di potenziale phishing".

Easyjet - che contatterà i clienti "colpiti" entro il 26 maggio - è stata informata dell’attacco a fine gennaio e ora rischia una maxi multa, come accadde a British Airways nel 2018. Il vettore britannico allora subì il furto dei dati delle carte di credito di migliaia di clienti, ricevendo una multa da 183 milioni di sterline (circa 204 milioni di euro) dall’Ico. Sanzione decisa per violazione del GDPR, il regolamento sulla privacy dell’Unione Europea, che prevede multe fino al 4% del fatturato dell’azienda coinvolta, in caso di violazione delle regole imposte per tutelare la privacy dei clienti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Qual è il miglior Paese in Europa per le donne che lavorano?

Il magnate della criptovaluta Sam Bankman-Fried è stato condannato a 25 anni di carcere

Energia nucleare: la situazione in Europa