ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: quanto è costata finora la pandemia al traffico aereo?

euronews_icons_loading
Covid-19: quanto è costata finora la pandemia al traffico aereo?
Diritti d'autore  Remy De La Mauviniere/AP2003
Dimensioni di testo Aa Aa

L'anno scorso, in questo periodo, tutti i voli cargo rappresentavano circa il 2% del totale dei voli di partenza / arrivo, mentre al 4 maggio 2020 rappresentavano il 17% La quota del traffico di linea, che rappresenta l'85%,si è ridotta al 32%.

Il 6 maggio il traffico giornaliero delle principali compagnie europee indicava:

Air France-KLM ↓93.2%, Easyjet Group↓99.2%, IAG Airlines ↓95.9%, Lufthansa Group ↓94.7%

Ryanair Group ↓98.2%

ACI Europe, un'associazione di 500 aeroporti europei, ha previsto perdite di 14 miliardi di euro quest'anno solo per gli operatori. La stima non include le attività di terzi parti, come i caffèe ristoranti o le edicole all'interno degli aeoporti.

Giovanni Costantini dell'aeroporto di Malpensa:

"I voli cargo non si sono mai fermati, nemmeno nei momenti più critici della pandemia. Abbiamo avuto una grande quantità di voli in arrivo che hanno portato attrezzature mediche, maschere, ventilatori, principalmente dalla Cina, ma anche il traffico in partenza non si è fermato e abbiamo continuato a esportare beni essenzialmente dallo scalo di Malpensa".

ACI Europe, un'associazione di 500 aeroporti europei, ha previsto perdite di 14 miliardi di euro quest'anno solo per gli operatori. La stima non include le attività di terzi parti, come caffè e ristoranti o edicole all'interno degli aeroporti.

Molte compagnie hanno annunciato di riprendere i voli non prima di qualche settimana e alcune anche tagli al personale.

Per sostenere il recupero del settore aereo, Eurocontrol ha progettato una tabella di marcia in collaborazione con compagnie aeree, centri di controllo, aeroporti e paesi. Chiamato “piano di recupero del NOP 2020”, comprende tutte quelle misure ritenute necessarie per massimizzare l’efficienza della rete e ridurre le restrizioni allo spazio aereo.

Il piano verrà aggiornato ogni settimana, cercando di “fornire alle principali parti interessate dell’aviazione la visione globale di cui hanno bisogno per pianificare in modo efficace”, riferisce Eurocontrol. Descrive inoltre che il suo obiettivo è garantire una fase di recupero sicura e regolare per tutte le parti interessate, consentendo un progressivo aumento dell’attività.