EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Covid-19: in Italia e Gran Bretagna superati i 30 mila morti

Virus Outbreak Britain
Virus Outbreak Britain Diritti d'autore  JULIAN SIMMONDS
Diritti d'autore  JULIAN SIMMONDS
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

COVID-19: con le 243 vittime di oggi, l'Italia supera la soglia dei 30 mila morti. Stabili gli altri indici: nuovi casi in calo così come i ricoveri in terapia intensiva. E nessun morto in Molise, Basilicata, Val d'Aosta, Sardegna, Friuli Venezia Giulia e nella provincia di Trento

PUBBLICITÀ

Covid-19 registra una nuova pagina di decessi in Itaalia: nelle ultime 24 ore sono stati 243, si supera la soglia dei 30mila morti. Stabili gli altri indici: nuovi casi in calo così come i ricoveri in terapia intensiva. E nessun morto in Molise, Basilicata, Val d'Aosta, Sardegna, Friuli Venezia Giulia e nella provincia di Trento. I guariti raggiungono quota 99.023, con un aumento in 24 ore di 2747 persone. Nel Regno Unito, altro Paese travolto dalla pandemia, le vittime sono salite a 31.241. Già ne giorni scorsi avevamo detto che questa soglia era stata ampiamente superata, perché Londra nel conteggio calcola anche i casi sospetti, non tutti i Paesi lo fanno.

Oggi nel triste bilancio giornaliero, il ministro all'Ambiente George Eustice ha precisato: "Sono 211.364 le persone che risultano ositive e questo significa che l'aumento rispetto a ieri è a oltre di 4.649 casi; 11.788 persone sono attualmente in ospedale con il coronavirus, in calo rispetto ai circa 12.688 di giovedì. I morti sono 31.241, 626 nelle ultime 24 ore ".

La Germania, che è riuscita a limitare le morti da Covid-19, sa che la guerra non è finita e in una   una fabbrica che confeziona carne, la West Fleisch,  è posticipata la riapertura dopo che i suoi dipendenti sono stati trovati positivi al coronavirus.Tutti i 1200 dipendenti sono stati messi in quarantena.  Sono oltre  270.000 i decessi in tutto il mondo.

Intanto nel tentativo di bloccare definitivamente la corsa del virus, Bruxelles sta pensando di prorogare fino al 15 giugno il divieto per i voli non necessari.  Misura che fa il paio con i controlli alla frontiera ripristinati da alcuni stati membri.

Bruxelles invierà nelle prossime settimane ai 27 Stati membri i dieci milioni di mascherine per medici e operatori sanitari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La solidarietà alimentare in pandemia nella ricca Londra

Francia, Spagna, Gran Bretagna allentano la morsa del lockdown ma a poco a poco

Ue: Gentiloni al Brussels Economic Forum, non possiamo fare marcia indietro sulla transizione green