Il presidente della Bce, Draghi: "Inflazione in calo, ma non è recessione"

Il presidente della Bce, Draghi: "Inflazione in calo, ma non è recessione"
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le statistiche di Eurostat parlano di una diminuzione in 22 Paesi dell'area euro.

PUBBLICITÀ

Il tasso di inflazione nell'area euro diminuisce: a dicembre 2018 era pari all'1,6%, in calo rispetto all'1,9% di novembre.

Il dato per l'anno che si è chiuso è dell'1,7%: anche in questo caso una cifra al ribasso rispetto al 2,0% di novembre. Il trend dei prezzi riscontra tassi annuali tra i più bassi in Grecia e Portogallo, entrambi fermi sullo 0,6%; segue la Danimarca con lo 0,7%. Quelli piu elevati sono stati registrati in Estonia, Romania e Ungheria con una forbice che va dal 3,3 al 2,8%.

Le statistiche, a cura di Eurostat, raccontano di una flessione in 22 Stati membri, di una tendenza stabile in tre e dell'aumento del tasso in altri tre Paesi della zona euro.

A causa del rallentamento della crescita in Europa e nel resto del mondo, alimentato dal passo meno brillante dell'economia in Cina e dalle tensioni commerciali tra Pechino e Washington, gli investitori non si aspettano un aumento dei tassi di interesse. Non ci sarà - sostengono - almeno sino al 2020.

"Ma l'economia della zona euro non si sta dirigendo verso una recessione", ha dichiarato il presidente della BCE, Mario Draghi.

Mario Draghi presidente BCE

"Quello di cui c'è bisogno - ha detto Draghi - è il sostegno ulteriore della Banca Centrale Europea in previsione di un rallentamento più lungo del previsto".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Draghi a Bologna: "Il 75% dei cittadini UE è a favore dell'euro"

L'aspetto fisico dei vostri genitori può avere conseguenze sul vostro portafoglio. Ecco come

Ecco chi è l'uomo più ricco del mondo. Ha superato Elon Musk