Guerra dei dazi Usa-Cina, nuovo round

Guerra dei dazi Usa-Cina, nuovo round
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Altri 16 miliardi sul tavolo

PUBBLICITÀ

I nuovi dazi Usa al 25% sull'import made in China sono entrati in vigore alla mezzanotte di giovedì 23 agosto, quando erano le 6:00 in Italia. È la seconda tranche dei 50 miliardi totali voluti dal presidente americano Donald Trump. A stretto giro è divenuta operativa la rappresaglia cinese, che ha messo nel mirino oltre 300 beni, sempre con dazi al 25%. Parallelamente però continuano le discussioni.

La mossa reciproca da 16 miliardi segue la prima da 34 miliardi di luglio e getta le basi di una guerra commerciale tra le prime due economie del pianeta. Malgrado le minacce d Trump però, i due paesi sono troppo interconnessi. Dice un imprenditore. "I pneumatici cinesi rappresentano il 40% del mercato americano. Non esiste altro mercato al mondo che possa avere una tale domanda".

E un altro industriale afferma: "Alcuni nostri soci hanno una prima produzione qui in Usa, una seconda in Cina, e poi il prodotto finale è venduto negli Usa. Praticamente rischierebbero di avere il 75% di dazi sui loro prodotti. Non è una cosa fattibile"

Pechino si è riservata di agire a difesa dei suoi diritti e dei suoi interessi legittimi con azioni dirette, ma anche rivolgendosi direttamente all'Organizzazione mondiale del commercio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'UE propone modifiche per riformare l'organizzazione mondiale del commercio

Qual è il miglior Paese in Europa per le donne che lavorano?

Il magnate della criptovaluta Sam Bankman-Fried è stato condannato a 25 anni di carcere