EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Riprese le forniture di gas russo verso l'Italia del nord

Riprese le forniture di gas russo verso l'Italia del nord
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Subito dopo l'incidente alla centrale di smistamento austriaca il prezzo del gas in Italia era quasi raddoppiato

PUBBLICITÀ

E' ripresa normalmente la fornitura del gas russo verso l'Italia. Dopo l'incidente alla centrale austriaca di Baumgarten an der March i flussi  verso Ungheria, Slovenia e succcessivamente l'Italia sono tornati normali. L'esplosione dell'impianto austriaco di distribuzione aveva bloccato le forniture..

La metodica adottata, lo ha spiegato un funzionario di Gas Connect Austria, ha preteso il ripristiono dei flussi con procedura d'urgenza per paesi come la Slovenia e una procedura più complessa per un utente di grande stazza come l'Italia.

Intanto subito dopo l'incidente il prezzo all'ingrosso del gas in Italia è quasi raddoppiato. Lo scenario di aumento generalizzato dei prezzi in realtà è legato alla congiuntura economica e l'arrivo del freddo ma anche dalla notevole dipendenza dell'Italia dal gas importato.

I flussi di gas dal gasdotto Trans Austria Gasleitung attraverso le linee che transitano da Tarvisio (Udine) sono ripresi in poche ore, tuttavia  l'esplosione alla centrale di smistamento in Austria ha fatto riapparire gli spettri delle vecchie crisi, con il rinnovarsi dei timori sulla garanzie delle forniture e sulla complessiva tenuta del sistema.

Lo stato di emergenza scatta in automatico e 'prepara' il sistema a reagire in fretta, ma non c'è mai stato un allarme concreto per il sistema Italia anche questa volta.

Per l'Italia la sicurezza è garantita dagli stoccaggi con depositi che 'valgono' 12 miliardi di metri cubi (possono salire a 17 con le riserve strategiche) e che hanno garantito la sicurezza del sistema nelle precedenti crisi del 2006 e del 2012, generate in entrambi i casi dalle difficoltà di approvvigionamento dal fronte russo.

La polemica ha naturalmente investito anche la questione della Tap, che bloccata dal governatore della Puglia e dagli enti locali, avrebbe dovuto garantire all'Italia un'altra linea di rifornimeto di energia questa volta non russa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gas: CEO di Snam a Euronews chiede Unione energetica

Ue: Gentiloni al Brussels Economic Forum, non possiamo fare marcia indietro sulla transizione green

Economia: per la Commissione europea l'inflazione Ue in calo al 2,7 per cento nel 2024