EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Brexit: scatta la corsa dei centri finanziari per sostituire Londra

Brexit: scatta la corsa dei centri finanziari per sostituire Londra
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Commissione europea blocca la proposta di fusione fra la Deutsche Boerse e London Stock Exchange

PUBBLICITÀ

Nel giorno della Brexit, la Commissione europea blocca la proposta di fusione fra la Deutsche Boerse e London Stock Exchange.

La capitale inglese potrebbe pagare caro il divorzio dall’Unione europea e questo ha spinto il sindaco Sadiq Khan a Bruxelles e Parigi. Il centro finanziario di Londra assicura al Regno Unito 2,1 milioni di posti di lavoro e l’11% delle entrate fiscali.

“Quello che non vogliamo che accada è che le imprese lascino Londra e l’Europa per andare a New York, Singapore e Hong Kong o Seul – ha detto Khan a Parigi – Per questo voglio mantenere le imprese che abbiamo. Londra è una città aperta. Non è aperta semplicemente agli affari, al talento e al commercio, è anche stato d’animo. Ha una mentalità aperta e orientata verso l’esterno”.

Il sindaco di Londra punta sul fatto che Parigi è malvista negli ambienti finanziari per le tasse elevate, mentre Francoforte è troppo “piccola” secondo il Financial Times.

Ma in Germania prevedono che 10.000 posti di lavoro si sposteranno dalla City sul fiume Meno nei prossimi cinque anni e la Banca centrale europea avverte le banche londinesi: “Perdereanno il passaporto europeo – dice Sabine Lautenschläger, numero due della vigilanza bancaria – e non prenderemo parte a una corsa al ribasso sulle licenze”

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit al via, May ai Comuni: "momento storico, non si torna indietro"

"I negoziati sulla Brexit saranno complessi e caotici", intervista a Stefan Lehne di Carnegie Europa

Nigel Farage: "L'UE non sopravviverà"