"L'Eurozona vola". L'indagine PMI di Markit mette sotto pressione la BCE

"L'Eurozona vola". L'indagine PMI di Markit mette sotto pressione la BCE
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Indice PMI di Markit: stime flash preliminari di marzo ai massimi da 6 anni Il manifatturiero che vola con ordini ed esportazioni ai massimi da circa sei anni è solo la punta dell’iceberg: l’indagin

Indice PMI di Markit: stime flash preliminari di marzo ai massimi da 6 anni

PUBBLICITÀ

Il manifatturiero che vola con ordini ed esportazioni ai massimi da circa sei anni è solo la punta dell’iceberg: l’indagine PMI di Markit sul mese di marzo fotografa un’Eurozona a cui sembrano spuntate le ali. Ad accelerare è il complesso dell’economia, con le stime flash dell’indice composito, relativo ai direttori degli acquisti, salito di sette decimi da febbraio, a un 56,7, che supera ogni aspettativa e segna un record dal febbraio 2011.

Flash #Eurozone#PMI Composite Output Index at 71-month high of 56.7 in March (56.0 in February). https://t.co/0Aefhep3gepic.twitter.com/x3KhrFN3Zy

— Markit Economics (@MarkitEconomics) 24 mars 2017

Qui il comunicato integrale di Markit

Sprint della Francia: sorpassata la locomotiva tedesca

A guidare il treno di testa Germania e Francia, con quest’ultima capace di sorpassare la locomotiva tedesca e mettere a segno una crescita senza precedenti da quasi 71 mesi. Previsioni che, se confermate, potrebbero pesare nelle scelte alle urne a cui entrambi i paesi saranno chiamati nei prossimi mesi.

Flash #Germany#PMI Composite Output Index at 70-month high of 57.0 in March (56.1 in February). https://t.co/CBCLBLk2fppic.twitter.com/0INb1IJP4s

— Markit Economics (@MarkitEconomics) 24 mars 2017

French private sector growth strongest in 70 months. Flash #France#PMI rises to 57.6 in March (55.9 - Feb). https://t.co/3cTpoOlBZD

— Markit Economics (@MarkitEconomics) 24 mars 2017

Cresce la pressione sulla BCE: “Basta con le politche accomodanti”

Un’accelerazione che, insieme a quella dell’inflazione dell’Eurozona, stabilizzatasi a febbraio sul target del 2% voluto da Mario Draghi, mette ulteriore pressione sulla BCE. Si accumulano insomma gli argomenti per i detrattori delle sue politiche accomodanti che, sulla scia di Berlino, premono per un rialzo dei tassi e una frenata sul Quantitative easing.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ecco perché l'economia tedesca ha più difficoltà delle altre in Europa

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?