EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina: dieci prigionieri liberati grazie all'intervento del Vaticano

Prigionieri liberati dalla Russia
Prigionieri liberati dalla Russia Diritti d'autore Alex Babenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Alex Babenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

All'aeroporto internazionale di Kiev, riaperto per l'occasione speciale, sono arrivati dieci cittadini imprigionati dalla Russia. Alcuni erano stati catturati ancora prima della guerra. Fondamentale l'intervento del Vaticano

PUBBLICITÀ

Dieci prigionieri ucraini, due dei quali sacerdoti greco-cattolici, si sono riuniti con le loro famiglie all'aeroporto internazionale di Kiev. Lo scalo internazionale, chiuso dall'inizio della guerra, è stato appositamente aperto per accogliere i dieci, alcuni dei quali sono arrivati in elicottero e altri in autobus.

Alcuni dei rilasciati erano stati catturati prima dell'invasione su larga scala della Russia nel 2022. È raro che le persone detenute dopo il 2014, quando la Russia ha annesso illegalmente la Crimea, vengano rilasciate, ma in questa occasione è stato il Vaticano stesso a essere coinvolto nella liberazione degli ostaggi.

Due dei liberati, Ivan Levytskyi e Bohdan Geleta, erano sacerdoti. Levytskyi era stato detenuto nel 2022 all'interno della sua chiesa nella città occupata di Berdiansk, nella regione di Zaporizhzhia. "Rendo grazie a Dio per la liberazione dei due sacerdoti greco-cattolici. Possano tutti i prigionieri di questa guerra tornare presto a casa. Preghiamo insieme: tutti i prigionieri tornino a casa", ha detto il Papa durante l'Angelus di sabato a San Pietro.

Tra le persone liberate c'era anche Nariman Dzhelyal, vice capo del Mejlis, un organo di rappresentanza della comunità tatara che vive in Crimea. L'organismo si è trasferito a Kiev dopo la presa della penisola da parte della Russia. Dzhelyal, che ha continuato a vivere in Crimea nonostante l'annessione, è stato sequestrato un anno prima della guerra.

"Ero in cattività, dove molti ucraini sono rimasti", ha detto. "Non possiamo lasciarli lì, perché le condizioni, sia psicologiche che fisiche, sono molto spaventose".

Nariman Dzhelyal, deputy head of the Mejlis of the Crimean Tatar People, center, in Kyiv airport, Ukraine, Saturday, June 29, 2024.
Nariman Dzhelyal, deputy head of the Mejlis of the Crimean Tatar People, center, in Kyiv airport, Ukraine, Saturday, June 29, 2024.Alex Babenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Nella sala principale dell'aeroporto, dove sono ancora appese le pubblicità dell'anteguerra, gli ex prigionieri avvolti in bandiere blu e gialle si sono riuniti con le loro famiglie e hanno chiamato coloro che non hanno potuto essere presenti.

"Voglio davvero abbracciarvi. Sarò presto da te, mamma", ha detto Isabella Pekh, la figlia della storica dell'arte liberata Olena Pekh, attraverso una videochiamata. "Mi dispiace tanto di non averti potuto incontrare".

Olena Pekh, researcher at Horlivka Art Museum, cries while she speaks to her daughter via videosignal in Kyiv airport, Ukraine, Saturday, June 29, 2024.
Olena Pekh, researcher at Horlivka Art Museum, cries while she speaks to her daughter via videosignal in Kyiv airport, Ukraine, Saturday, June 29, 2024.Alex Babenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

La madre di Isabella Pekh è stata detenuta nella parte occupata della regione di Donetsk. Per quasi sei anni, Isabella è intervenuta in conferenze internazionali e ha fatto appello agli ambasciatori stranieri affinché la aiutassero a liberare sua madre. Alla fine i suoi sforzi hanno avuto successo.

"Sono stati sei anni di inferno che le parole non possono descrivere. Ma sapevo di avere la mia patria, di avere persone che mi amavano, di avere mia figlia", ha detto Olena Pekh.

Priest Bohdan Heleta, left, who was detained inside his own church in the occupied city of Berdiansk in the Zaporizhzhia region in 2022, speaks to his friend in Kyiv airport,
Priest Bohdan Heleta, left, who was detained inside his own church in the occupied city of Berdiansk in the Zaporizhzhia region in 2022, speaks to his friend in Kyiv airport,Alex Babenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Secondo il Comando di coordinamento ucraino per il trattamento dei prigionieri di guerra, finora sono stati liberati dalla prigionia russa 3.310 ucraini. Ma molte migliaia di ucraini, sia civili che militari, rimangono imprigionati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Media sudcoreani: Pyongyang vuole inviare personale in Ucraina, oggi Zelensky a Bruxelles

Ucraina, "colpiti militari stranieri" dice la Russia: Mosca minaccia "escalation" per armi a Kiev

Guerra in Ucraina: Kiev e Mosca scambiano novanta prigionieri di guerra