EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina: le forze russe continuano l'offensiva a Kharkiv. Blinken condanna la disinformazione russa

Un militare ucraino trasporta un lanciamissili di difesa aerea Stinger statunitense in una trincea sulla linea del fronte nella regione di Zaporizhzhia, in Ucraina.
Un militare ucraino trasporta un lanciamissili di difesa aerea Stinger statunitense in una trincea sulla linea del fronte nella regione di Zaporizhzhia, in Ucraina. Diritti d'autore Andriy Andriyenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Andriy Andriyenko/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le forze russe continuano la loro campagna offensiva a Kharkiv. Intanto i membri della Nato considerano se revocare i limiti imposti a Kiev sull'utilizzo di armi occidentali. Per il Segretario di Stato Usa Blinken la disinformazione russa è da combattere

PUBBLICITÀ

Il capo dell'esercito ucraino ha avvertito che la Russia sta aumentando la concentrazione di truppe nella regione di Kharkiv, dove ha compiuto progressi significativi in un'offensiva di primavera.

Sul suo profilo Facebook, Oleksandr Syrskyi ha detto che Mosca sta portando a Kharkiv delle unità militari provenienti da altre regioni del Paese per integrare le forze nei due principali centri dei combattimenti, le città di Vovchansk e Lyptsi. Anche l'Ucraina, annuncia Syrskyi, ha spostato truppe di riserva nell'area.

Un lungo ritardo negli aiuti militari degli Stati Uniti e l'inadeguata produzione militare dell'Europa occidentale hanno rallentato le consegne cruciali sul campo di battaglia per Zelensky. La Russia ha sfruttato questi ritardi per fare progressi a Kharkiv.

I missili e le bombe russe hanno inoltre colpito le postazioni militari e le aree civili ucraine, compresa la rete elettrica civile.

Blinken condanna gli sforzi di disinformazione russi

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken giovedì ha condannato i tentativi russi di seminare disinformazione, dopo aver lasciato intendere che l'amministrazione Biden potrebbe presto permettere all'Ucraina di usare munizioni fornite dagli Stati Uniti per colpire all'interno della Russia.

A Praga per una riunione dei ministri degli Esteri della Nato Blinken ha attaccato l'uso della disinformazione da parte di Mosca, definendola un "veleno" e firmando un accordo con il governo ceco per combatterla.

US Secretary of State Antony Blinken speaks at a Czech Defence Capabilities Event in Prague, Czech Republic.
US Secretary of State Antony Blinken speaks at a Czech Defence Capabilities Event in Prague, Czech Republic.Petr David Josek/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

"Uno dei fronti principali della competizione che abbiamo, in particolare con la Russia, è il fronte dell'informazione", ha detto Blinken.

Blinken ha fatto le sue osservazioni durante la cerimonia di firma con il ministro degli Esteri ceco Jan Lipavsky, che ha sottolineato come le autorità ceche abbiano recentemente smascherato un'importante campagna di disinformazione sostenuta dalla Russia.

"Siamo di fronte a un confronto tra democrazie e autocrazie", ha dichiarato Lipavsky. "Il Cremlino ha iniziato a colpire le democrazie di tutto il mondo con la guerra informatica, la propaganda e le operazioni di influenza e questo pericolo non può più essere sottovalutato".

I leader della Nato autorizzano gli attacchi ucraini alla Russia

Diversi Stati della Nato sostengono pubblicamente che l'Ucraina dovrebbe essere autorizzata ad attaccare il territorio russo con armi fornite dagli alleati occidentali, segnando quello che potrebbe essere un importante cambiamento nella politica del blocco verso il conflitto.

Il ministro degli Esteri norvegese Espen Barth Eide ha dichiarato all'emittente norvegese NRK che il suo Paese ritiene che l'Ucraina "abbia il diritto cristallino, secondo il diritto internazionale, di attaccare la Russia all'interno della territorio russo come parte della difesa del suo territorio".

L'omologo danese, Lars Lokke Rasmussen, ha dichiarato ai giornalisti a Bruxelles che anche il suo Paese accetterebbe l'uso di armi occidentali contro obiettivi russi "nel rispetto delle regole di guerra".

All'inizio della settimana, il presidente francese Emmanuel Macron e il capo della Nato Jens Stoltenberg hanno dichiarato che i Paesi occidentali non dovrebbero opporsi se l'Ucraina dovesse colpire la Russia per difendersi.

La Francia starebbe anche per annunciare l'invio di istruttori militari nei centri di addestramento ucraini.

Mercoledì in Moldavia, Blinken ha dichiarato che la politica degli Stati Uniti sulle modalità di impiego delle armi americane da parte dell'Ucraina è in continua evoluzione, suggerendo che Washington potrebbe revocare un divieto non scritto sull'uso di tali armi da parte dell'Ucraina per attacchi in territorio russo.

Sebbene i funzionari statunitensi insistano sull'assenza di un divieto formale, hanno da tempo chiarito che ritengono che l'uso di armi statunitensi per attaccare obiettivi all'interno della Russia potrebbe provocare una risposta da parte di Mosca, promessa dal Presidente russo Vladimir Putin.

Secondo alcune analisi, gli Stati Uniti sono vicini alla firma di un nuovo accordo bilaterale di sicurezza con l'Ucraina nel tentativo di migliorare le relazioni bilaterali dopo che gli aiuti statunitensi si sono bloccati negli ultimi mesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, Germania e Francia: sì alle armi Nato per colpire in Russia dove partono gli attacchi

Ucraina, F-16 dal Belgio entro fine 2024: Zelensky a Bruxelles mentre Ue discute uso armi in Russia

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen