EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Attacco dell'Iran, G7: “Sostegno a Israele, evitare escalation in Medio Oriente"

Un uomo passa davanti a un murale che raffigura il presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un supereroe che difende Israele in una strada di Tel Aviv, Israele, domenica 14 aprile 2024.
Un uomo passa davanti a un murale che raffigura il presidente degli Stati Uniti Joe Biden come un supereroe che difende Israele in una strada di Tel Aviv, Israele, domenica 14 aprile 2024. Diritti d'autore Tsafrir Abayov/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Diritti d'autore Tsafrir Abayov/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Di Joshua AskewSandor Zsiros
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Ferma condanna da parte del G7 all'attacco iraniano contro Israele. Le potenze mondiali chiedono anche di evitare l'escalation in Medio Oriente, con il cessate il fuoco a Gaza e la liberazione degli ostaggi da parte di Hamas

PUBBLICITÀ

Al termine del incontro virtuale, i Leader G7 hanno adottato una dichiarazione congiunta che condanna fermamente l'attacco notturno dell'Iran, ribadendo pieno sostegno alla sicurezza di Israele.

"I G7 hanno sottolineato l’esigenza di evitare un’ulteriore escalation, invitando le parti ad astenersi da azioni volte ad acuire la tensione nella regione. A tale scopo, i G7 hanno rivolto un appello per porre fine alla crisi a Gaza attraverso la cessazione delle ostilità e il rilascio degli ostaggi da parte di Hamas. Hanno infine garantito la prosecuzione dell’aiuto umanitario verso la popolazione palestinese", si legge in un comunicato diffuso dalla presidenza italiana del G7.

A termine del G7, la presidente della Commissione von der Leyen ha detto che i leader hanno "condannato con la massima fermezza l'attacco senza precedenti dell'Iran contro Israele". "Esprimiamo la nostra solidarietà e il nostro sostegno al popolo di Israele. E riaffermare il nostro impegno per la sua sicurezza. Continueremo a lavorare per stabilizzare la situazione", ha poi detto la presidente della Commissione Ue.

Teheran ha lanciato circa 300 droni, missili balistici e da crociera contro Israele nella notte tra sabato e domenica, anche se le difese aeree israeliane ne hanno intercettato la maggior parte, l'Idf ha parlato del 99 per cento.

L'attacco era una rappresaglia a un attacco israeliano a un edificio consolare iraniano in Siria all'inizio del mese, che ha ucciso 12 persone. Tra i morti, due alti generali iraniani.

La presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha definito l'attacco iraniano una "grave escalation". Ha detto che l'Ue condanna gli attacchi missilistici e con i droni e che "continuerà ad adoperarsi per ridurre l'escalation e impedire che la situazione degeneri in un ulteriore spargimento di sangue".

Una condanna simile è stata espressa dalle capitali europee. 

"Deploro con la massima fermezza l'attacco ingiustificato dell'Iran contro Israele", ha dichiarato la prima ministra estone Kaja Kallas. "La priorità assoluta dovrebbe essere quella di fermare qualsiasi ulteriore escalation nella regione", ha proseguito.

Il numero uno francese Emmanuel Macron ha criticato l'attacco di Teheran, affermando che minaccia di "destabilizzare la regione". "Esprimo la mia solidarietà al popolo israeliano e l'impegno della Francia per la sicurezza di Israele, dei nostri partner e della stabilità regionale", ha scritto su X.

Le forze militari francesi, insieme a quelle britanniche e statunitensi, hanno aiutato Israelea respingere l'attacco iraniano di sabato sera, secondo quanto riferito dalle forze di difesa israeliane. I tre Paesi occidentali sono anche fornitori chiave di armi per Israele, che sta combattendo contro Hamas nella Striscia di Gaza.

Anche gli Stati membri dell'Unione che di solito vanno contro la linea di Bruxelles si sono uniti al coro di critiche contro Teheran. Il leader dell'estrema destra ungherese Viktor Orbán ha detto che "pregherà per la sicurezza del popolo israeliano".

In una dichiarazione inviata a Euronews, Julien Barnes-Dacey, direttore del programma Medio Oriente e Nord Africa dell'European council on foreign relations, ha dichiarato: "L'Iran si è sentito costretto a rispondere all'attaccodi Israele al suo consolato in Siria in modo escalatorio e gli attacchi diretti iraniani a Israele sono un passo senza precedenti in una guerra regionale sempre più profonda e diretta".

"Ma gli attacchi erano stati preannunciati molto bene e l'Iran ha chiarito, anche durante lo svolgimento degli attacchi, che voleva evitare di scatenare un conflitto più ampio. Si trattava di dimostrare una risposta ferma, ma di tenerla sufficientemente sotto controllo per evitare di provocare una guerra diretta, che è ancora l'obiettivo principale dell'Iran".

"La natura degli attacchi puòrafforzare la percezione israeliana che Teheran sia in svantaggio, che non abbia la forza di volontà e la capacità di impegnarsi più a fondo, e che questo sia il momento per Israele di infliggere un colpo più profondo, a lungo cercato, all'Iran e ai suoi proxy regionali", ha aggiunto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele pronta a un attacco iraniano entro 48 ore, attacco dei coloni israeliani in Cisgiordania

Rafah, Israele bombarda ancora la tendopoli degli sfollati: altri morti nella Striscia di Gaza

Borrell: Europa pronta a riattivare missione civile a Rafah ma serve via libera Israele ed Egitto