EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Cosa sono le difese aeree di Israele? E perché sono così efficaci?

FILE - Il sistema di difesa missilistica israeliano Iron Dome spara intercettatori contro i razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, ad Ashkelon, nel sud di Israele. Giovedì 11 maggio 2023.
FILE - Il sistema di difesa missilistica israeliano Iron Dome spara intercettatori contro i razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, ad Ashkelon, nel sud di Israele. Giovedì 11 maggio 2023. Diritti d'autore Tsafrir Abayov/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Diritti d'autore Tsafrir Abayov/Copyright 2023 The AP All rights reserved
Di Joshua AskewEuronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Israele sostiene di aver intercettato il 99 per cento dei missili e dei droni lanciati dall'Iran nella notte tra sabato e domenica. Ecco perché il sistema Iron Dome è così efficace, ma non è il solo a difendere il Paese

PUBBLICITÀ

Israele possiede uno dei migliori sistemi di difesa aerea del mondo. Nella notte tra sabato e domenica l'Iran ha lanciato più di 300 droni e missili contro Israele, che sta già affrontando gli attacchi aerei in arrivo da Gaza e dal Libano, ma i funzionari israeliani hanno riferito di aver subito pochi danni.

Il sistema di difesa aerea di Israele è a più livelli, ma il suo fulcro è l'Iron Dome. Utilizzando il radar per rilevare e intercettare razzi, missili e droni a corto raggio, il sistema di difesa aerea Iron Dome è entrato in funzione nel 2011.

A lungo sollecitato dai funzionari della difesa israeliana, è stato infine avviato in risposta alla guerra del 2006 che ha portato Hamas a prendere il controllo di Gaza l'anno successivo.

Il sistema è costituito da una serie di unità mobili trasportate da camion e sparse in tutto il Paese in posizioni strategiche. Quando viene rilevata una minaccia, il personale militare la analizza in un "centro di gestione della battaglia" presidiato 24 ore al giorno. Decidono quindi quale lanciatore utilizzare per intercettare.

I missili secondari vengono lanciati per garantire che la minaccia sia neutralizzata correttamente

Tasso di successo superiore al 90 per cento

Israele afferma di avere un tasso di successo superiore al 90%, distruggendo proiettili da una distanza compresa tra 4 e 70 km. I tempi di risposta sono di pochi secondi.

Israele lo ha sviluppato con il sostegno degli Stati Uniti. Washington ha contribuito con 1,5 miliardi di euro alla creazione del sistema tra il 2011 e il 2021, mentre il Congresso degli Stati Uniti ha approvato altri 940 milioni di euro nel 2022.

All'inizio degli anni Novanta, Israele aveva suggerito l'idea di sviluppare un sistema antimissile a corto raggio, anche se i funzionari della difesa statunitense dell'epoca dissero che sarebbe stato destinato a fallire.

FILE - A battery of Israel's Iron Dome defense missile system, deployed to intercept rockets, sits in Ashkelon, southern Israel, Aug. 7, 2022.
FILE - A battery of Israel's Iron Dome defense missile system, deployed to intercept rockets, sits in Ashkelon, southern Israel, Aug. 7, 2022.Ariel Schalit/Copyright 2022 The AP All rights reserved

Un punto debole del sistema Iron Dome è che non può proteggere più di 100-150 km quadrati, limitando la sua efficacia per i Paesi più grandi. Anche in Israele, un Paese relativamente piccolo, le batterie devono essere spostate in base al rischio di attacco percepito.

Israele ha esportato la tecnologia in alcuni Paesi del mondo, tra cui Stati Uniti, Romania, India e Azerbaigian. Washington la usa per proteggere le sue basi militari all'estero.

Le difese aeree di Israele sono a più livelli: cos'è Arrow

Ma l'Iron Dome costituisce solo una parte delle difese aeree di Israele. Israele utilizza l'Arrow per intercettare i missili a lungo raggi****o, compresi quelli che l'Iran ha dichiarato di aver lanciato contro il Paese sabato.

L'Arrow, che opera al di fuori dell'atmosfera, è stato utilizzato nell'attuale guerra per intercettare i missili a lungo raggio lanciati dai militanti Houthi nello Yemen.

Anche in questo caso è stato sviluppato con il sostegno degli Stati Uniti. Le difese aeree di Israele comprendono anche il David's Sling - progettato per intercettare missili a medio raggio come quelli lanciati da Hezbollah in Libano - e i missili Patriot, la componente più antica delle difese del Paese.

FILE - Israeli Iron Dome air defense system fires to intercept a rocket fired from the Gaza Strip as seen from southern Israel, Monday, Nov. 20, 2023.
FILE - Israeli Iron Dome air defense system fires to intercept a rocket fired from the Gaza Strip as seen from southern Israel, Monday, Nov. 20, 2023.Leo Correa/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

I Patriot sono stati utilizzati per la prima volta durante la prima guerra del Golfo, nel 1991, per intercettare i missili Scud lanciati dall'allora leader iracheno Saddam Hussein.

Il Center for Strategic and International Studies (CSIS) stima che ogni batteria di Patriot costi circa 1 miliardo di euro: 375 milioni di euro per il sistema, 647 milioni di euro per i missili - il costo di un singolo missile è stimato in 3,8 milioni di euro.

I Patriot sono ora utilizzati principalmente per abbattere aerei, compresi i droni. L'esercito ucraino li utilizza per uno scopo simile contro l'invasione russa.

Israele sta sviluppando un nuovo sistema noto come Iron Beam per intercettare le minacce in arrivo con la tecnologia laser. Tuttavia, non è ancora operativo.I funzionari israeliani affermano che questo sistema cambierà le carte in tavola perché è molto più economico da utilizzare rispetto ai sistemi esistenti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi in Medio Oriente: quale futuro per la difesa comune europea

Israele pronta a un attacco iraniano entro 48 ore, attacco dei coloni israeliani in Cisgiordania

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera