Ucraina, cosa rimane dei massacri di Bucha dopo due anni

Oleksandr Turovskyi, il cui figlio Sviatoslav è stato ucciso a Bucha nel marzo 2022, guarda le foto del figlio nel suo appartamento di Bucha, in Ucraina (30 marzo 2024)
Oleksandr Turovskyi, il cui figlio Sviatoslav è stato ucciso a Bucha nel marzo 2022, guarda le foto del figlio nel suo appartamento di Bucha, in Ucraina (30 marzo 2024) Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Bucha, pochi chilometri a nord di Kiev, è diventata un simbolo della resistenza ucraina all'inizio dell'invasione. Quando i russi si ritirarono, si scoprirono gli orrori commessi su centinaia di civili. Il ricordo dei familiari delle vittime nel secondo anniversario della liberazione della città

PUBBLICITÀ

Sono trascorsi due anni dalla liberazione di Bucha e questo sobborgo a nord-ovest di Kiev cerca ancora di riprendersi dal tentativo dei russi tra febbraio e marzo 2022 di arrivare subito alla capitale ucraina. 

Con le sue 509 vittime civili lasciate per le strade e nelle case o gettate in fosse comuni, alcune ritrovate con segni di tortura o di esecuzioni, Bucha resta con la vicina Irpin uno dei simboli dei crimini di guerra commessi durante l'invasione russa dell'Ucraina.

Le autorità locali stanno ancora lavorando sull'identificazione dei dispersi e non hanno chiuso un bilancio ufficiale dell'occupazione della città.

I familiari delle vittime di Bucha cercano giustizia

Provarono a difendere le proprie case dagli invasori anche molti volontari, armatisi di fronte alla necessità, tra cui Andrii Verbovyi, arrestato dai russi e ritrovato morto con le mani legate dietro la schiena giorni dopo la loro ritirata.

"Per me è come se fosse successo ieri, non è cambiato nulla" racconta Nataliia Verbova all'Associated Press, che per prima diffuse le foto di suo marito e dei compagni giustiziati, i cui corpi ed espressioni erano stati preservati dall'inverno ucraino.

"Il mondo non dovrebbe dimenticare che la guerra si è presa la vita di soldati e di civili" aggiunge Verbova al cimitero dove riposa il marito "persone uccise magari mentre stavano solo passando per quelle strade a piedi o in auto".

Questa donna, che conserva il portafoglio e la rubrica telefonica di Andrii come reliquie, sta cercando ancora di fare riconoscere al marito deceduto lo status di combattente, che le garantirebbe assistenza finanziaria da parte del governo.

Lo stesso obiettivo che si è posto Oleksandr Turovskyi, che ha perso il figlio Svyatoslav a 35 anni. Era tra i sette morti per la difesa di Bucha insieme con Andrii Verbovyi.

"Ho ancora la sensazione che lui rientri dal lavoro ogni sera e chieda come stai?" dice Turovskyi "è come se lo aspettassi, anche se l'ho seppellito".

Dove c'erano croci di legno in cimiteri provvisori, oggi lapidi di marmo mostrano i volti dei caduti. Caffè e ristoranti di Bucha sono aperti, cantieri e nuovi condomini in costruzione offrono speranza per il futuro.

"Non si tratta solo di ricostruire dalle macerie, ma anche di preservare l'idea di un mondo libero e dell'unità europea" ha detto lunedì il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, commemorando l'anniversario della liberazione della città.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: il reportage di Euronews da Irpin e Bucha a due anni dall'invasione

Zelensky racconta un anno di guerra: "A Bucha il giorno più buio, abbiamo visto il male puro"

Ucraina, Biden firma il pacchetto di aiuti all'estero da 95 miliardi: "Armi già nelle prossime ore"