Elezioni regionali in Abruzzo: banco di prova per il governo Meloni

Cartello in un seggio elettorale
Cartello in un seggio elettorale Diritti d'autore LUCA BRUNO/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Oltre 1,2 milioni di elettori chiamati al voto per il rinnovo del Consiglio regionale e l'elezione del presidente del governatore. Due i candidati alla presidenza. Il governo Meloni punta alla vittoria dopo la sconfitta in Sardegna

PUBBLICITÀ

Seggi aperti domenica, 10 marzo, per gli oltre 1,2 milioni di elettori in Abruzzo chiamati a votare per rinnovare il Consiglio regionale e nominare il nuovo governatore, solo due i candidati. Si vota in 305 comuni dalle 7 alle 23.

Dopo la sconfitta in Sardegna contro il centrosinistra guidato da Alessandra Todde, il governo di Giorgia Meloni punta a vincere le regionali in Abruzzo per mettere a tacere i segnali della perdita dei consensi del suo governo e per rompere l'alternanza tra centrodestra e centrosinistra che caratterizza la Regione da decenni.

Alle 19 affluenza al 43,93 per cento

Alle 19 l'affluenza ai seggi si è attestata al 43,93 per cento contro il 43,01 per cento alle scorse elezioni nel 2019. La Provincia dove si è votato di più a quattro ore dalla chiusura dei seggi è stata l'Aquila con il 47,51 per cento, seguono Teramo, con il 44,67 per cento e Pescara con il 44,45 per cento.

Chi sono i candidati alle regionali in Abruzzo

Solo due i candidati alla presidenza della Regione. Per il centrodestra il governatore uscente Marco Marsilio, fedelissimo di Giorgia Meloni. Nella tornata del 2019 ha vinto con il 48% dei consensi ed è stato il primo presidente di Regione di Fratelli d'Italia.

Per il centrosinistra Luciano D'Amico, candidato dalla grande coalizione ‘Patto per l'Abruzzo’, formata da Pd, M5s, Azione, Avs con Democrazia Solidale, Italia Viva con Psi e +Europa, più la civica Abruzzo Insieme. D'Amico è stato rettore dell'università di Teramo e presidente della Tua, la società di trasporto pubblico locale.

Come si vota alle regionali in Abruzzo

Gli elettori possono votare in tre modalità: esprimere la preferenza per un candidato presidente, oppure votare una lista, e il voto si estende alla lista a lui collegato, o ancora esprimere la preferenza per un candidato presidente e una delle liste a esso collegate. Per quanto riguarda le preferenze dei candidati alla carica di consigliere regionale, gli elettori possono esprimere una o due preferenze, scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome in caso di omonimia. I votati devono essere di genere diverso ma comunque della stessa lista.

In Abruzzo non è consentito il voto disgiunto: è nulla la scheda con il voto per un candidato presidente e per una lista diversa da quelle a lui collegate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni annuncia il rientro di Chico Forti: chi è l'ex velista condannato all'ergastolo negli Usa

Alessandra Todde (Pd-M5S) vince le elezioni regionali in Sardegna: Conte e Schlein volano a Cagliari

Migranti, sì all'accordo tra Italia e Albania: esulta il governo Meloni, critiche le ong