EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Georgieva: "Le donne devono credere in sé stesse, ne servono di più nei posti di potere"

Georgieva: "Le donne devono credere in sé stesse, ne servono di più nei posti di potere"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Oleksandra Vakulina
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La direttrice operativa del Fondo monetario internazionale è ospite di The Global Conversation

L'Europa è a un punto di svolta: la regione deve affrontare il difficile compito di ripristinare la stabilità dei prezzi e garantire una crescita forte e verde. Come rendere questa crescita inclusiva ed equa sfruttando tutto il potenziale dell'Europa? Ne discutiamo con Kristalina Georgieva, direttrice operativa del Fondo Monetario Internazionale, in The Global Conversation.

Signora Georgieva, due terzi dei paesi più prosperi del mondo si trovano in Europa, eppure la disuguaglianza di reddito è diffusa in tutto il continente. In che modo la disuguaglianza influisce sulla crescita economica?

Crescita e disuguaglianza sono strettamente collegate. Mi permetta di fare un'osservazione molto importante per l'Europa: da europea sono orgogliosa che l'Europa sia un luogo in cui l'attenzione all'inclusione e all'uguaglianza è stata relativamente più elevata che altrove. Il risultato è che l'Europa gode di reti di sicurezza sociale, attivate dopo la pandemia e dopo l'invasione russa dell'Ucraina per proteggere le persone più vulnerabili della società. Detto questo, l'Europa deve sforzarsi per fare ancora meglio? Certamente. Questo perché l'Europa - ma in realtà tutto il mondo - deve fare i conti con una crescita anemica, una crescita lenta. Come possiamo aumentare le prospettive di crescita? Sfruttando tutte le risorse che abbiamo. E questo ci porta ad un aspetto particolare della disuguaglianza, ovvero la disuguaglianza di genere. Inserendo le donne nella forza lavoro, nei posti di comando delle nostre società e delle nostre economie, ne trarremmo un enorme beneficio.

Analizziamo la questione nei dettagli. Con i tradizionali motori di crescita in difficoltà, molte economie, come lei ha detto, si stanno perdendo, ma non sfruttano il potenziale delle donne. Quanto stiamo perdendo?

Stiamo perdendo molto. Purtroppo, in base alla più recente analisi della Banca Mondiale, non c'è un solo Paese nel nostro pianeta in cui ci sia una completa uguaglianza tra donne e uomini. Quindi abbiamo del lavoro da fare. In base alle analisi dell'Fmi, posso dire che le prove a favore di una maggiore integrazione delle donne sono schiaccianti. In questi giorni di crescita lenta, potremmo ottenere un aumento del pil fino al 23% considerando i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo. Nella media globale, l'aumento sarebbe del 20%. Perché non dovremmo volerlo fare?

Come ha detto lei, perché non sfruttare questo potenziale? Conosciamo le statistiche, le ragioni e i possibili benefici. In che altro modo possiamo spingere per far sì che ciò accada?

Il modo per spingere è avere una base politica credibile basata sui dati. C'è un'iniziativa molto importante, 'Colmare le lacune di dati', promossa dal G20. Parte di essa consiste nell'avere dati credibili sulla distribuzione del reddito, su ciò che dovremmo sapere quando prendiamo decisioni su come eliminare queste barriere. Sappiamo che le politiche fiscali possono aiutare, sappiamo che gli investimenti nella prima infanzia e nell'assistenza all'infanzia possono aiutare, sappiamo che i trasporti sicuri possono aiutare: le donne doveno aver paura di salire su un autobus o sulla metropolitana. E sappiamo anche che l'accesso al sistema finanziario potrebbe aiutare, se le donne avessero accesso ai finanziamenti su un piano di parità. Ma ancora non lo hanno.

Signora Georgieva, nonostante i progressi significativi compiuti negli ultimi decenni, con l'attuale ritmo di riforme si stima che il divario globale tra i sessi si ridurrà nei prossimi tre secoli. Lo ripeto: tre secoli! Una delle misure più importanti per migliorare la situazione è l'aumento della rappresentanza femminile nelle posizioni decisionali. Questo è un tema su cui lei ha molto da condividere. Quanto è stato difficile il suo percorso?

Ho iniziato la mia carriera professionale come professoressa in Bulgaria. E fin dall'inizio mi è stato chiaro che per essere trattata alla pari, dovevo lavorare più duramente dei miei colleghi maschi. Mi dispiace dire che questa è stata la mia esperienza per quasi tutta la mia vita professionale. Quindi, quello che posso dire alle donne, in particolare alle giovani donne, è che nonostante questo, ci possono essere degli ostacoli, ma ce la potete fare. Siete forti, belle e intelligenti. Potete farlo per voi stesse, ma anche per contribuire alla società. Quando lo fate - e questa è una lezione molto importante che ho imparato personalmente e che ho visto più volte nella mia vita professionale - credete in voi stesse. Non esitate a presentare le vostre credenziali con fiducia. Le racconto una piccola storia su Bruxelles. Quando ero Vicepresidente per le Risorse Umane, avevamo l'obiettivo molto importante di aumentare il numero di donne nelle posizioni senior al 40%. Posso dire che la Commissione ha fatto un ottimo lavoro per raggiungere questo obiettivo. Ma c'è una cosa che ho notato quando i due pretendenti a un posto erano un uomo e una donna. Durante il colloquio, entrambi dovevano elencare i loro punti di forza sulla base di cinque criteri. Entrambi erano molto forti in tre criteri, meno negli altri due. Come si approccia l'uomo? Dice: "Guardi, io copro pienamente i tre criteri più importanti, e porto al lavoro la mia fantastica personalità. Sono la persona migliore per questo lavoro'" La donna invece dice: "Copro solo tre dei criteri. Non so, forse c'è qualcuno migliore di me". Non fate così. Se non credete in voi stesse, perché gli altri dovrebbero credere in voi? E direi anche alle donne: lavorate con altre donne. C'è forza in una massa critica. Lo vedo ovunque. Lo vedo all'Fmi, lo vedo alla Banca Mondiale, lo vedo alla Commissione europea. Quando abbiamo più donne intorno al tavolo si sente l'energia nella stanza, e prendiamo decisioni migliori perché abbiamo prospettive diverse che vengono portate al tavolo. Quindi fate un passo avanti per voi, per le ragazze e le donne, per i ragazzi e gli uomini. Fate la vostra parte per la società.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

ARCO Madrid 2024: Cresce la Rappresentanza Femminile nell'Arte Contemporanea Internazionale

Doppio referendum costituzionale in Irlanda: voto su definizione di famiglia e ruolo della donna

Francia: il Parlamento francese approva il diritto costituzionale all’aborto