Guerra in Ucraina: Zelensky da Scholz e Macron per firmare patti di sicurezza

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il cancelliere tedesco Olaf Scholz
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il cancelliere tedesco Olaf Scholz Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Maria Michela D'Alessandro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Berlino è stata la prima tappa del tour europeo di Zelensky per chiedere un maggiore sostegno militare all'Ucraina. Dopo la firma nella capitale tedesca, il presidente ucraino è volato a Parigi per siglare un accordo analogo con Emmanuel Macron

PUBBLICITÀ

Germania, Francia e poi di nuovo Germania: il tour europeo del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è iniziato venerdì 16 febbraio da Berlino per incontrare il cancelliere Olaf Scholz. Zelensky è poi volato a Parigi per il bilaterale con Emmanuel Macron, sabato sarà di nuovo in Germania per partecipare alla conferenza di Monaco sulla sicurezza in programma fino al 18 febbraio. 

Zelensky da Scholz a Berlino

A Berlino Zelensky e Scholz hanno firmato un accordo sulla sicurezza definito "storico" dal cancelliere tedesco che ha assicurato la sua determinazione a sostenere l'Ucraina "per tutto il tempo necessario".

A due anni dall'inizio di questa terribile guerra oggi inviamo un messaggio molto chiaro al presidente russo: non allenteremo il nostro sostegno all'Ucraina
Olaf Scholz
Cancelliere tedesco

Il documento firmato dai due leader contiene aiuti militari aggiuntivi e immediati per un totale di 1,1 miliardi di euro. Il patto prevede anche il sostegno all’Ucraina dopo la guerra per costruire un esercito moderno in grado di respingere futuri attacchi dalla Russia.

La soddisfazione di Zelensky su X per la firma del patto di sicurezza con la Germania

Zelensky a Parigi da Macron

Berlino è stata la prima tappa del tour europeo del presidente ucraino per chiedere un maggiore sostegno militare al suo Paese. Il presidente ucraino ha continuato il suo viaggio diplomatico a Parigi per siglare un accordo analogo con il presidente francese Emmanuel Macron

L'intesa franco-ucraino prevede "fino a 3 miliardi di euro" di aiuti militari supplementari nel 2024: "Sono accordi che forniscono all'esercito ucraino garanzie reali per poter realizzare risultati concreti nella riconquista del loro territorio" sottratto dalla Russia, ha dichiarato Macron nella conferenza stampa congiunta. 

La morte di Alexey Navalny

Olaf Scholz sulla morte di Alexey Navalny

"Putin uccide sempre, anche se non c’è una guerra, non si fermerà. Alexey Navalny è morto in una prigione russa - ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante la conferenza stampa congiunta con Scholz commentando la morte di Alexey Navalny. -. A Putin non importa chi muore, finché mantiene la sua posizione, ed è per questo che dovrà rendere conto dei suoi crimini".

Per Macron "la morte di Alexey Navalny parla della debolezza del Cremlino e della paura di qualsiasi avversario". In serata da Parigi il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto alla Russia di "fare luce sulle circostanze" del decesso dell'oppositore russo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: la Russia conquista Avdiivka, l'esercito di Kiev si ritira

Germania: trovata bomba della Seconda Guerra Mondiale a Colonia durante dragaggio del Reno

Germania: a Berlino il museo del cibo disgustoso, molto più di una semplice esperienza sensoriale