EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

A bordo del laboratorio scientifico galleggiante che sta facendo il giro delle coste europee

Battello oceanico Tara a Lione. Gennaio 2024.
Battello oceanico Tara a Lione. Gennaio 2024. Diritti d'autore Ilaria Federico and Estelle Nilsson-Julien
Diritti d'autore Ilaria Federico and Estelle Nilsson-Julien
Di Estelle Nilsson-Julien and Ilaria Federico
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Dall'aprile 2023 un team di scienziati sta raccogliendo dati da tutta la costa europea per valutare i livelli di inquinamento e la salute delle acque. La missione durerà fino a luglio 2024

PUBBLICITÀ

La Tara ocean boat può sembrare una normale barca a vela, ma in realtà è un laboratorio scientifico galleggiante.

"L'obiettivo della missione Tara Europa trek è quello di misurare l'impatto dell'attività umana sulle coste, luogo di enorme biodiversità", spiega Henri-Bernard Costa, responsabile degli affari pubblici della Fondazione Tara.

Dall'aprile 2023, un team di scienziati sta navigando intorno alle coste europee per valutare i livelli di inquinamento e la salute delle acque. L'obiettivo è quello di percorrere ben 25.520 chilometri di costa.

La valutazione dei livelli di inquinamento delle acque europee è una questione urgente, dato che il 40% della popolazione europea vive in una regione costiera.

"L'inquinamento viaggia, così come le molecole chimiche. Non ci sono confini per l'inquinamento, dobbiamo essere consapevoli che tutto ciò che ha un impatto su una parte della natura, lo ha anche sull'insieme", afferma Costa.

"Il nostro obiettivo è ottenere una visione olistica di ciò che sta accadendo in tutto il continente, per valutare quali questioni devono essere prioritarie per garantire la salute dei nostri oceani", aggiunge.

Il cuore della Tara è costituito da una cabina di una barca convertita, dove il team di scienziati tiene i propri macchinari. Sebbene abbiano già raccolto un'enorme quantità di dati, potrebbe volerci fino a un decennio prima che i risultati della spedizione vengano resi pubblici.

Una volta raccolti, i campioni d'acqua vengono inviati ad altri laboratori per essere esaminati, un processo lungo.

Gli scienziati hanno già "rintracciato circa quattromila sostanze chimiche, pesticidi e prodotti farmaceutici che sono stati elencati. Verificano se sono già rilevabili sulla terraferma e in mare e analizzano la loro interazione con i microrganismi", spiega Martin Heraut, capitano della Tara ocean boat.

Questa è tutt'altro che la prima spedizione della Fondazione: dal 2003, l'organizzazione ha già lanciato sette importanti missioni di esplorazione scientifica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cambiamento climatico: gli oceani più caldi hanno sbiancato i coralli anche a profondità-record

La crisi idrica in Europa: quanto è grave e cosa si può fare?

Le accademie scientifiche europee chiedono "almeno il 3% del PIL" per ricerca e sviluppo