EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Un prigioniero politico bielorusso muore in carcere per "mancanza di cure mediche"

FILE: Questa foto non datata del Centro per i diritti umani di Viasna mostra l'attivista politico bielorusso Vadzim Khrasko in posa per una foto.
FILE: Questa foto non datata del Centro per i diritti umani di Viasna mostra l'attivista politico bielorusso Vadzim Khrasko in posa per una foto. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il detenuto politico bielorusso Vadzim Khrasko è morto di polmonite nel carcere in cui era detenuto. Secondo gli attivisti, le autorità hanno atteso troppo tempo prima di portarlo in ospedale.

PUBBLICITÀ

Il dissidente bielorusso Vadzim Khrasko è morto di polmonite in un carcere vicino alla città nord-orientale di Vitebsk dopo che le autorità carcerarie hanno tardato a portarlo in ospedale, ignorando le sue richieste di aiuto, ha dichiarato il centro per i diritti umani Viasna. Khrasko sarebbe morto il 9 gennaio, ma le autorità carcerarie ne hanno dato notizia solo ora.

Il dissidente, specialista in tecnologie informatiche, stava scontando una condanna a tre anni con l'accusa di aver offerto donazioni a vari gruppi di opposizione considerati come "estremisti" dalle autorità.

L'attivista politico Leanid Sudalenka, che ha scontato la sua pena di tre anni nella stessa colonia penale, ha dichiarato all'Associated Press, dopo aver terminato il suo mandato, di aver rischiato di morire durante un'ondata di COVID-19.

Sudalenka ha raccontato che lui e altri prigionieri politici dovevano indossare un cartellino giallo sulle loro uniformi, in modo da essere facilmente identificabili dalle guardie che, a suo dire, li maltrattavano, abusavano e umiliavano abitualmente.

Sudalenka ha raccontato che i metodi di vessazione possono andare dalle celle di punizione e dal completo isolamento, al rifiuto di incontrare il proprio legale, per arrivare in alcuni casi al rifiuto di fornire cure mediche e medicinali.

Alcuni altri prigionieri non sono sopravvissuti ai periodi trascorsi in carcere. Tra loro ci sono ad esempio l'artista Ales Pushkin, morto a luglio per un'ulcera perforata dopo non aver ricevuto alcuna assistenza medica, e Vitold Ashurak, il cui corpo è stato restituito ai parenti nel 2021 con ancora una benda sulla testa.

Le autorità bielorusse sono particolarmente severe nella repressione dei dissidenti al regime autoritatio del presidente Alexander Lukashenko, dopo le grandi proteste scatenate dalle elezioni dell'agosto 2020 che gli hanno conferito un sesto mandato.

Durante le proteste, durate mesi, centinaia di migliaia di persone hanno manifestato nelle strade bielorusse. Oltre 35.000 persone sono state arrestate, migliaia sono state picchiate e centinaia di media indipendenti e organizzazioni non governative sono state chiuse e dichiarate fuori legge.

Ad oggi, oltre 1.400 prigionieri politici si trovano ancora dietro le sbarre, compreso il celebre sostenitore dei diritti umani e Premio Nobel per la Pace 2022 Ales Bialiatski.

La leader dell'opposizione bielorussa in esilio Sviatlana Tsikhanouskaya, costretta a lasciare il Paese dopo aver sfidato Lukashenko alle elezioni del 2020, ha chiesto un'indagine sulla morte di Khrasko.

"Ho ricevuto la tragica notizia della morte del prigioniero politico Vadzim Khrasko, dovuta a cure mediche inadeguate", ha dichiarato Tsikhanouskaya. "Dobbiamo agire subito per evitare altre morti", ha concluso la leader dell'opposizione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bielorussia: l'intervista di Euronews allo scrittore Sasha Filipenko

Bielorussia, oppositori e media celebrano la Giornata della Libertà

La Lituania vuole risposte per il cittadino morto in carcere in Bielorussia