La Lituania vuole risposte per il cittadino morto in carcere in Bielorussia

Protesta per i prigionieri politici in Bielorussia
Protesta per i prigionieri politici in Bielorussia Diritti d'autore Mindaugas Kulbis/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Ilaria CicinelliEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un cittadino lituano è morto in carcere in Bielorussia senza che il governo del suo Paese fosse avvisato. Le autorità lituane hanno scoperto l'accaduto solo dopo numerosi tentativi di contattare l'uomo e ora vogliono spiegazioni

PUBBLICITÀ

Un cittadino lituano arrestato al confine tra Lituania e Bielorussia è morto in un carcere bielorusso. Le autorità lituane hanno appreso del decesso solo dopo ripetuti tentativi di contattare il detenuto.

"Sono state fatte molte richieste, sono state scritte molte lettere, sono stati fatti molti appelli per un incontro. Non ci è stato dato, quindi abbiamo scritto un'altra nota. In risposta a questa nota, abbiamo ricevuto una telefonata dalle istituzioni bielorusse in cui si dice che non è possibile organizzare un incontro, perché il cittadino lituano è morto", afferma Asta Andrijauskiene, ambasciatrice lituana in Bielorussia.

Sorprese e indignate per la morte del cittadino lituano, le autorità del Paese chiedono spiegazioni alla controparte bielorussa.

Secondo l'ambasciatrice "molti cittadini lituani sono trattenuti in Bielorussia" per diversi motivi. Nella maggior parte dei casi, le autorità vengono informate da persone che hanno perso le tracce di parenti partiti per la Bielorussia.

La leader dell'opposizione bielorussa in esilio Sviatlana Tsikhanouskaya ha marciato la scorsa settimana verso l'ambasciata del Paese in Lituania, tenendo in mano una foto del marito imprigionato e chiedendo informazioni su di lui dopo un anno di isolamento.

La leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya tiene in mano un ritratto del marito incarcerato Syarhey Tsikhanousky durante una protesta
La leader dell'opposizione bielorussa Sviatlana Tsikhanouskaya tiene in mano un ritratto del marito incarcerato Syarhey Tsikhanousky durante una protestaMindaugas Kulbis/AP

Siarhei Tsikhanouski è uno dei tanti esponenti di spicco dell'opposizione incarcerati di cui i parenti dicono di non avere notizie da almeno un anno.

"Da un anno esatto, né io né i miei figli sappiamo quale sia la sorte di Siarhei, che è tenuto in prigione dalle autorità bielorusse in completo isolamento", ha dichiarato Tsikhanouskaya.

La donna ha chiesto al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres di intervenire in Bielorussia sulla sorte dei prigionieri politici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Per la Bielorussia, la strada verso l'Europa passa da Strasburgo"

Chiusi nuovi valichi tra Lituania e Bielorussia

Nel 2027 cinquemila soldati tedeschi in Lituania a 100 chilometri dalla Russia