Paesi Bassi: l'estrema destra di Wilders primo partito. Sorpresa dagli exit poll

L'estrema destra di Geert Wilders primo partito nei Paesi Bassi. In Europa festeggiano LePen, Salvini e Orban
L'estrema destra di Geert Wilders primo partito nei Paesi Bassi. In Europa festeggiano LePen, Salvini e Orban Diritti d'autore Peter Dejong/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'estrema destra di Wilders primo partito con 37 seggi. Paesi Bassi: sorpresa dagli exit poll e spettro instabilità: nessuno vuole governare con lui

PUBBLICITÀ

Il Partito per la Libertà (PVV), di estrema destra, del leader Geert Wilders, è il primo partito nei Paesi Bassi: nelle elezioni di mercoledì ha ottenuto 35 seggi dei 150 seggi al Parlamento, dandogli la priorità nella formazione di un nuovo governo. 

L'alleanza verde-sinistra di Frans Timmermans, già vicepresidente della Commissione europea, è giunta seconda con 25 seggi. 
Terzo posto, con 24 seggi, per il Partito Popolare per Libertà e Democrazia (VVD), il partito dell'ex primo ministro Mark Rutte, ora guidato da Dilan Yeşilgöz-Zegerius.

Dilan Yesilgoz-Zegerius, leader del VVD.
Dilan Yesilgoz-Zegerius, leader del VVD.Patrick Post/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Nel suo primo discorso dopo aver appreso i dati dei sondaggi, Wilders ha subito promesso di “dare priorità agli interessi degli olandesi” e di “limitare lo tsunami dell'asilo” nei Paesi Bassi.

Wilders ha assicurato che il suo PVV “vuole lavorare con altri partiti di grande posizione” e ciò significa, ha sottolineato, che gli altri partiti dovranno negoziare con lui la formazione del prossimo governo olandese. 

Ma già prima delle elezioni, i leader degli altri tre grandi partiti avevano assicurato che non avrebbero partecipato ad un governo guidato da Wilders.
Ma all'uscita dalle urne, il popolare Pieter Omtzigt si è detto "disponibile" ad un governo di coalizione, pur ammettendo che le alleanze "non saranno facili".
Il suo partito Nuovo Contratto Sociale (NSC), creato appena pochi mesi fa, avrebbe ottenuto 20 seggi, secondo gli exit poll.

Il leader della sinistra, Frans Timmermans, ha immediatamente respinto l’idea di unirsi alla coalizione di Wilders. “È giunto il momento per noi di difendere la democrazia”, ha dichiarato Timmermans.

Frans Timmermans al voto a Maastrich. (22.11.2023)
Frans Timmermans al voto a Maastrich. (22.11.2023)Ermindo Armino/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi, cosa si aspetta la gente dalla destra di Geert Wilders

Paesi Bassi, si torna alle urne per scegliere un nuovo governo

Paesi Bassi: tribunale olandese blocca forniture di componenti di F-35 a Israele