EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Chi è il nuovo presidente argentino, Javier Milei?

Javier Milei, l'eccentrico candidato di destra che ha raggiunto il ballottaggio alle elezioni presidenziali in Argentina
Javier Milei, l'eccentrico candidato di destra che ha raggiunto il ballottaggio alle elezioni presidenziali in Argentina Diritti d'autore Euronews, AP
Diritti d'autore Euronews, AP
Di Rory Elliott Armstrong Agenzie:  AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Definendosi "il re della giungla" ed estraendo una motosega durante un comizio, Javier Milei ha agitato la politica argentina in un momento delicato per il Paese latinoamericano

PUBBLICITÀ

Batman e Joker. Un uomo travestito da leone e un altro la cui testa e le cui braccia sono state sostituite da motoseghe. Non si tratta del carnevale o di un festival di fumetti, bensì di uno stravagante raduno per la campagna elettorale del candidato presidenziale argentino Javier Milei.

Quest'ultimo, populista di destra, in pochi anni è passato dall'essere personaggio televisivo in grado di garantire ascolti elevati con i suoi sfoghi sfrenati contro la "casta politica" (da lui considerata colpevole dei perenni problemi economici dell'Argentina), alla candidatura alla presidenza.

Economista ultra-liberista è riuscito ad ottenere dove altri hanno fallito: è stato in grado di inserirsi nello spazio tra il peronismo del partito "Frente de Todos" e i seguaci dell'ex presidente Mauricio Macri, rappresentati dal partito "Juntos por el Cambio". Di qui il suo motto: "Non sono venuto a guidare gli agnelli, sono venuto a svegliare i leoni".

Una sostenitrice di Javier Milei in una piazza argentina
Una sostenitrice di Javier Milei in una piazza argentinaNicolas Aguilera/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Il suo successo sembra risiedere nella capacità di incanalare la rabbia che gli argentini provano nei confronti della classe dirigente, in un contesto di inflazione a tre cifre e povertà crescente. La crescita anno su anno dei prezzi è del 140%, mentre più del 40% della popolazione fatica ad arrivare alla fine del mese.

"Parla come uno di strada, come uno di noi, per questo è così popolare", spiega Rodrigo Agüera, un cameriere argentino che vive a Barcellona. "Sono favorevole a un cambiamento", dice, ma "dovremo vedere cosa succederà dopo, perché alla fine i politici saranno sempre politici, ti dicono una cosa e poi ne fanno un'altra".

Da intrattenitore televisivo a candidato alle presidenziali

Fino a qualche tempo fa considerato un personaggio secondario della politica argentina, Milei è riuscito a trasformare il suo successo come opinionista in un seggio alla Camera dei Deputati, la camera bassa del Congresso argentino, nel 2021.

In seguito ha lanciato quella che sembrava una candidatura a lungo termine alle presidenziali, ma ha scosso l'establishment politico argentino quando ha ricevuto il maggior numero di voti alle primarie di agosto, considerate un grande sondaggio sulle preferenze degli elettori.

"È una persona che non capisce il sistema politico. Né elettorale né esecutivo. Non ha esperienza di governo di una città o di un ente locale. Come possiamo aspettarci che governi un Paese?", si chiede la studentessa di management culturale Candela Kantor. "È circondato da persone che vuole mettere a capo di ministeri, persone che sono strettamente legate alla peggiore crisi argentina", aggiunge.

Il candidato alle presidenziali argentine Javier Milei
Il candidato alle presidenziali argentine Javier MileiNicolas Aguilera/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Argentini in cerca di un'alternativa

Milei era dato per favorito alla tornata di ottobre, ma è arrivato secondo, con il 30% dei voti, quasi sette punti indietro rispetto al ministro dell'Economia Sergio Massa. Il ricercatore Alan Ríos ritiene che la porzione di popolazione che vota per Milei "non si veda riflessa nella narrazione attuale, né nel kirchnerismo né nel macrismo". "Hanno vissuto esperienze con entrambi i tipi di governo e non è cambiato nulla. Anzi, le cose sono peggiorate", spiega.

Milei e Massa si affronteranno in un ballottaggio questo fine settimana, e i sondaggi pre-elettorali mostrano una situazione in bilico, con un gran numero di indecisi che saranno determinanti per il risultato finale.

Milei contrario all'aborto

Spesso definito il Donald Trump argentino, Milei adotta un misto di amore di ideali propri del capitalismo e politiche sociali conservatrici. Di qui l'opposizione all'aborto, che l'Argentina ha legalizzato nel 2020. Il candidato di destra è inoltre favorevole alla libera vendita di armi da fuoco e di organi umani: "Perché tutto deve essere regolato dallo Stato? Il mio corpo è di mia prima proprietà", ha affermato.

L'introduzione del dollaro statunitense e la chiusura della Banca Centrale sono due tra le misure promesse, assieme alla privatizzazione delle imprese pubbliche di proprietà dello Stato.

Alcuni suoi sostenitori sono arrivati anche a sfoggiare strumenti come motoseghe, che Milei ha spesso impugnato durante i comizi per lasciare intendere come vuole agire con la spesa pubblica. L'economista (amante dei cani) è stato chiaro: ci saranno tagli ovunque: dalla sanità all'istruzione, al sostegno sociale. Secondo l'insegnante di storia Luis Klejzer, Milei rappresenta "un pericolo per la libertà democratica e i diritti umani".

L'economista ultra-liberista Javier Milei brandisce una motosega nel corso di un comizio
L'economista ultra-liberista Javier Milei brandisce una motosega nel corso di un comizioNatacha Pisarenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

Memoria storica in pericolo

Un altro elemento portatore di polemiche è rappresentato dalla candidata vicepresidente Victoria Villarruel. Figlia di ufficiali militari, è stata criticata per aver messo in discussione i crimini commessi durante la dittatura militare che ha governato l'Argentina dal 1976 al 1983, tra i quali le torture e la scomparsa di migliaia di persone per mano delle forze di sicurezza.

"C'è un ampio settore della società, le famiglie dei militari, le persone provenienti dai circoli militari, le persone più di destra, che sono tutte coinvolte nella politica argentina e che finora non hanno avuto un loro luogo di rappresentanza", spiega Ríos. "Quindi Milei, arrivando e rivendicando tutte queste cose, sta anche dando apertamente spazio a tutte queste persone", aggiunge.

Milei propone tra le altre cose l'introduzione del dollaro come moneta corrente
Milei propone tra le altre cose l'introduzione del dollaro come moneta correnteRodrigo Abd/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Secondo Klejzer, la figura di Javier Milei "è in grado di incanalare tutto il malcontento che questa società porta con sé. Soprattutto tra i giovani", duramente colpiti dalla crisi economica. "Non vedono un futuro. Quindi cercano di uscire da questa situazione attraverso l'estrema destra".

L'insegnante di storia di Buenos Aires si dice preoccupato in caso di elezione di Milei, perché "siamo già a un passo dal perdere le libertà costituzionali della nostra amata Argentina".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Buenos Aires, migliaia in piazza contro il mega-decreto di austerity del nuovo governo Milei

Tagli drastici alla spesa e svalutazione del peso: ecco l'Argentina di Javier Milei

Argentina, fan di Maradona celebrano l'anniversario dei goal di Messico '86