EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Spagna: Sánchez di nuovo premier. Il parlamento gli dà la fiducia

Il premier spagnolo Sanchez
Il premier spagnolo Sanchez Diritti d'autore JAVIER SORIANO/AFP OR LICENSORS
Diritti d'autore JAVIER SORIANO/AFP OR LICENSORS
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Votano a favore 179 deputati, contro 171

PUBBLICITÀ

Con 179 voti  a favore e 171 contrari il parlamento spagnolo ha votato la fiducia al governo di Pedro Sánchez.

Il voto del Congresso spagnolo è arrivato dopo due giorni di acceso dibattito incentrato sull'accordo che prevede l'amnistia ai separatisti della Catalogna (in cambio dell'appoggio al Psoe).

Il dibattito in parlamento

Mercoledì, mentre il leader del Psoe difendeva davanti all'assemblea l'accordo siglato con i due partiti separatisti catalani Erc e Junts, centinaia di manifestanti si sono radunati nei pressi del Congresso per protestare contro l'amnistia, contro Sánchez e contro la stampa. Con 1600 agenti dispiegati sul posto, un numero mai visto prima nel centro di Madrid, non c'è stato alcun incidente.

Lo stesso non si può dire dei raduni svoltisi in tarda serata di fronte alla sede nazionale del Partito socialista. Alcune migliaia di manifestanti, tra cui militanti dell'estrema destra, per la tredicesima serata consecutiva, si sono dati appuntamento in Calle Ferraz per protestare contro l'amnistia.

Alcuni contestatori con il volto coperto hanno lanciato bottiglie, petardi e altri oggetti su giornalisti e agenti della polizia, che hanno reagito con alcune cariche di alleggerimento per disperdere la folla. Davanti alle telecamere sono state poi bruciate bandiere catalane. "Siamo una dittatura", ha urlato la folla, insultando Sánchez e il Psoe. Nove i feriti lievi, tra cui un agente di polizia e 14 arresti.

Gli scontri assumono un valore politico rilevante per aver ripetuto per strada i concetti espressi al Congresso dal leader di Vox, Santiago Abascal. Dopo il suo intervento, insieme ai colleghi di partito, Abascal ha lasciato l'aula per unirsi alle proteste davanti alla sede del Psoe.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Madrid, migliaia in piazza contro l'accordo di amnistia stipulato tra separatisti catalani e premier

Migranti: cinque morti in un naufragio al largo delle Isole Canarie, 68 in salvo

Spagna, i festeggiamenti per i dieci anni di regno di Felipe IV