EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In 100 mila a Parigi contro l'antisemitismo. Polemiche per Le Pen

In marcia contro l'antisemitismo a Parigi
In marcia contro l'antisemitismo a Parigi Diritti d'autore Christophe Ena/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Christophe Ena/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Gianluca Martucci
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

n totale oltre 180 mila persone in Francia sono scese in strada per rispondere all'impennata degli atti di odio fondati sull'origine ebrea della vittima. Un gruppo di persone ha contestato la presenza della leader del Rassemblement National

PUBBLICITÀ

L'aumento dei casi di odio antisemita ha fatto scendere in strada circa 100 mila persone a Parigi. Le stelle di Davide e le svastiche disegnate sulle facciate di case e negozi nella capitale francese e in altri comuni dell'esagono sono solo il segno visibile degli oltre mille atti antisemiti registrati da quando è cominciata la guerra tra Hamas e israele. 

La marcia ha ricevuto l'appoggio del presidente della repubblica Emmanuel Macron. Il primo ministro, Elisabeth Borne, gli ex presidenti Nicolas Sarkozy e François Hollande e i presidenti dell'Assemblea nazionale e del Senato hanno guidato il corteo. Tra i leader dell'opposizione c'era anche l'esponente di spicco del Rassemblement Nationale, Marine Le Pen, ma non Jean-Luc Mélenchon de "La France Insoumise". Il tribuno rosso ha preferito non aderire affermando che l'evento avrebbe messo da parte "il massacro ai danni della popolazione di Gaza".

Con 500 mila persone, la Francia ha la più grande comunità ebraica d'Europa.

La presenza di rappresentanti di estrema destra del Rassemblement Nazional ha provocato momenti di tensione durante la marcia. Un gruppo di attivisti ebrei di sinistra ha cercato brevemente di opporsi alla loro partecipazione in virtù delle dichiarazioni controverse del fondatore Jean-Marie Le Pen. 

Nel 1987, in un'intervista, interrogato sulla sua inclinazione a dare credito al revisionismo storico, Le Pen padre disse che le camere a gas in cui furono uccisi i prigionieri dei campi di concentramento nazisti, "furono un dettaglio della storia".

Altrove in Europa

In Romania diversi esponenti della comunità ebraica hanno manifestato portando in piazza degli orsacchiotti bendati, simbolo dei bambini tenuti in ostaggio dai terroristi. Tra gli ostaggi di Hamas ci sono quattro cittadini con doppio passaporto israeliano e romeno. Altre cinque persone con doppia cittadinanza sono morte nel primo mese di conflitto

A Bruxelles un gruppo di circa 200 persone si è riunito davanti all'ambasciata francese per riaffermare che la lotta all'antisemitismo riguarda tutti e che la popolazione palestinese non può pagare per i crimini di Hamas.

Dall'inizio del conflitto le segnalazioni di odio contro gli ebrei sono decuplicati in Belgio. La protezione delle scuole e dei luoghi di culto ebraici è stata rafforzata in tutto il Paese e in particolare a Bruxelles e Anversa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi di Parigi 2024, già si parte con calcio e rugby a sette: il programma completo

Parigi 2024: previsioni sul medagliere, record che potrebbero essere battuti e programma

Pakistan: tre morti e venti feriti in un attacco durante una marcia per la pace