EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Truppe nel cuore di Gaza City, un conflitto sempre più violento

Gaza City
Gaza City Diritti d'autore Hatem Moussa/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Hatem Moussa/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Agenzie:  ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Distrutti 130 tunnel di Hamas; invani gli appelli del Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres per fermare le ostilità. Continua la mediazione del Qatar

PUBBLICITÀ

Gaza City è ormai un campo di battaglia, dove si combatte strada per strada.

Israele - ad un mese esatto dal massacro di Hamas del 7 ottobre - continua ad avanzare nell'enclave palestinese dopo aver tagliato in due la Striscia. "Per la prima volta da decenni stiamo combattendo nel cuore di Gaza City, nel cuore del terrore", ha annunciato il comandante israeliano del fronte sud Yaron Finkelman. Mentre il ministro della Difesa Yoav Gallant ha messo nel mirino direttamente il capo di Hamas nella Striscia: Yahya Sinwar "si nasconde nel suo bunker" e non ha più "contatti con i suoi associati", ma "sarà eliminato" anche lui.

Israele ha osservato un minuto di silenzio con tantissime manifestazione in tutto il Paese in memoria dei quasi 1.400 uccisi dall'avvio del conflitto e dei circa 240 ostaggi. Proprio per i rapiti il presidente Usa Joe Biden, secondo quanto riferito da Axios, avrebbe chiesto a Netanyahu "tre giorni di pausa nei combattimenti", per favorire le trattative per la liberazione. Secondo la proposta che si starebbe discutendo in queste ore fra Stati Uniti, Israele e Qatar, Hamas rilascerebbe 10-15 ostaggi e userebbe i tre giorni per verificare l'identità di tutti i prigionieri e consegnare un elenco con i nomi. Hamas ha invece celebrato a modo suo l'attacco di un mese fa.

Il numero due dell'ufficio politico della fazione, Moussa Abu Marzouk, in un'intervista alla Bbc dal Golfo ha negato che il 7 ottobre siano stati uccisi civili ma solo "riservisti e soldati", così come avrebbe ordinato il leader dell'ala militare delle Brigate Qassam, Mahammed Deif. Dichiarazioni che la stessa emittente ha definito in palese contraddizione con le numerose prove raccolte nei kibbutz di frontiera assaltati dai jihadisti.

L'esercito intanto continua a concentrarsi sull'individuazione delle roccaforti di Hamas, dei suoi tunnel e sull'eliminazione dei capi della fazione islamica. Secondo stime dell'Idf, dall'avvio della guerra sono stati colpiti più di 14 mila obiettivi a Gaza, distrutti più di 100 ingressi di tunnel e travate 4.000 armi e razzi nascosti nelle infrastrutture civili. Al tempo stesso anche oggi è stato aperto un corridoio umanitario di poche ore per permettere il trasferimento della popolazione dal nord al sud della Striscia. E' in questa occasione - secondo un video diffuso dall'esercito - che si sono visti stremati cittadini palestinesi innalzare bandiere bianche.

Gaza, bandiere bianche tra i palestinesi diretti a sud

Hamas da parte sua ha denunciato un bombardamento israeliano sull'ospedale al-Quds di Gaza City, ma l'esercito ha ribattuto di aver attaccato "terroristi che erano sistemati in un palazzo vicino" al nosocomio. Il portavoce militare ha annunciato tra l'altro che sono state scoperte altre postazioni, tra cui una vicino ad una ruota panoramica di un parco giochi. Gaza, ha denunciato Gallant, è "la più grande base del terrore che l'umanità abbia costruito" e le truppe di terra hanno assaltato le roccaforti di Hamas "da tutte le direzioni, in perfetto coordinamento con le forze marittime e aeree.

La presa attorno a Gaza City - ha insistito - si sta stringendo". Sono ancora piovuti razzi sia nel sud di Israele sia su Tel Aviv, dove le sirene di allarme hanno mandato la gente nei rifugi. Al valico di Rafah sono continuati a passare gli stranieri, i cittadini con doppio passaporto e i feriti, mentre sono entrati altri aiuti umanitari. Finora secondo Israele - che ha ribadito il no a ogni cessate il fuoco e a pause umanitarie - sono arrivate 3.000 tonnellate di cibo, oltre 1.720 di medicinali e oltre un milione di tonnellate d'acqua. La Croce Rossa ha fatto sapere invece che un suo convoglio umanitario è stata colpito a Gaza.

Gaza, i miliziani fronteggiano l'Esercito israeliano casa per casa

Mentre la Cisgiordania continua a restare terreno di scontro con l'uccisione di altri tre palestinesi e l'arresto di militanti di Hamas, il Libano è il vero secondo fronte. Sono stati 20 i nuovi razzi sparati contro Israele, che ha risposto attaccando al di là della frontiera. Rapporti citati da Haaretz finora non confermati hanno riferito di caccia con lo Stella di David che hanno sorvolato Beirut. I morti a Gaza denunciati dalle autorità di Hamas sono arrivati a 10.328, fra cui 4.237 minori e 2.741 donne.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra a Gaza, Israele rilascia direttore ospedale Al Shifa, Netanyahu chiede apertura indagine

Decine di morti a Gaza City, Idf lega una palestinese in Cisgiordania come scudo umano

Israele: Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo le dimissioni di Gantz