EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Che ne sarà dei bambini di Gaza?

Metà degli abitanti della Striscia di Gaza sono bambini. Sono i più colpiti dalla guerra.
Metà degli abitanti della Striscia di Gaza sono bambini. Sono i più colpiti dalla guerra. Diritti d'autore Khalil Hamra/AP
Diritti d'autore Khalil Hamra/AP
Di Cornelia Trefflich
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in tedesco

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ogni giorno nella Striscia di Gaza vengono uccisi o feriti in media 420 bambini. Ma cosa succederà ai bambini che sopravvivono a questa guerra?

PUBBLICITÀ

Nella Striscia di Gaza donne e bambini sono particolarmente colpiti dal disastro umanitario. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ogni giorno a Gaza vengono uccisi o feriti in media 420 bambini. Più di 4 mila bambini sono morti e si ritiene che più di 1.500 siano sepolti sotto le macerie.

Nebal Farsakh, portavoce della Mezzaluna Rossa palestinese, ha dichiarato a Euronews: "I bambini sono ora esposti a pesanti bombardamenti giorno e notte. Manca cibo, acqua, elettricità, medicine, tutto. E per di più non c'è elettricità. Non si può immaginare l'orrore e la paura che provano quando si è completamente buio e l'unico suono che si sente è il rumore dei bombardamenti".

"Non possono immaginare l'orrore e la paura che provano i bambini quando è completamente buio e l'unico suono che sentono è quello dei bombardamenti
Nebal Farsakh
Portavoce della Mezzaluna Rossa palestinese

Le famiglie vivono in condizioni inimmaginabili: acqua potabile, cibo e medicinali scarseggiano. I rifugi di emergenza e i campi temporanei accolgono un numero di persone quattro volte superiore a quello per cui sono stati progettati.

"Molte scuole vengono utilizzate come rifugi di emergenza, scuole che non sono state progettate per essere rifugi. Questo significa che molte persone non hanno accesso all'acqua. Il sistema igienico-sanitario non è pronto per questo", ha dichiarato a Euronews Saleem Oweis, responsabile delle comunicazioni dell'Unicef per la regione.

I sistemi igienici distrutti fanno aumentare il rischio di malattie

I sistemi igienico-sanitari crollati e distrutti aggravano la situazione e aumentano il rischio di diffusione di malattie trasmesse dall'acqua come il colera.

Oweis racconta che le famiglie sono costrette a dare ai propri figli acqua sporca o salata per proteggerli dalla disidratazione.

"Una collega ci ha parlato delle sue due bambine che mostravano segni di disidratazione. Hanno la diarrea. È una vera sfida. Una delle bambine comincia a rifiutare l'acqua che le viene offerta perché non pensa che sia potabile, il che è vero, perché quest'acqua non dovrebbe essere bevuta da bambini o adulti".

Oltre alla grave carenza d'acqua, anche l'assistenza medica è un problema enorme. Gli ospedali sono semplicemente sopraffatti dal numero di feriti e malati. Inoltre, ci sono circa 50 mila donne incinte per le quali non è possibile fornire un'assistenza adeguata. Oltre 100 neonati prematuri giacciono nelle incubatrici degli ospedali, che stanno esaurendo il carburante per mantenere in funzione le macchine per l'ossigeno.

"Rischiamo di avere una generazione con danni psicologici che dureranno tutta la vita
Saleem Oweis
Unicef, responsabile della comunicazione

Carburante ed elettricità sono essenziali per gli ospedali

"Senza elettricità e carburante, la situazione diventa sempre più drammatica per i bambini, che sono in pericolo di vita. Questi bambini non possono sopravvivere nemmeno pochi minuti senza elettricità. È quindi molto importante che gli aiuti arrivino senza ostacoli e in modo continuo, compresi acqua, forniture mediche, cibo, ma anche carburante, che è un'ancora di salvezza per i minori e le loro famiglie di Gaza", spiega Oweis.

Ma quali sono i problemi a lungo termine di questo conflitto per i bambini, spesso orfani, che dovranno vivere in queste aree distrutte?

"Stiamo rischiando di avere una generazione con danni psicologici che dureranno per tutta la vita. Ma rischiamo anche di avere una generazione che non sarà in grado di essere produttiva da adulta, che non sarà in grado di interagire con il proprio ambiente e che non realizzerà il suo pieno potenziale. E poi, naturalmente, c'è il problema del ciclo di violenza. La violenza non è mai la soluzione. La violenza crea solo violenza", conclude Oweis.

Risorse addizionali per questo articolo • WHO, Reuters

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Decine di morti a Gaza City, Idf lega una palestinese in Cisgiordania come scudo umano

Guerra a Gaza: tensione tra Israele e Hezbollah, Cuba si unisce alla causa del Sudafrica

Altri 2 soldati israeliani uccisi a Gaza: bilancio delle vittime dell'Idf oltre 300