EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il paradosso dell'Ungheria: il governo Orbán apre alla manodopera straniera

Il paradosso dell'Ungheria: il governo Orbán apre alla manodopera straniera
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Valérie Gauriat
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo, apertamente ostile all'immigrazione, sta rendendo più facile per le aziende assumere lavoratori stranieri

PUBBLICITÀ

Viktor Orbán è conosciuto come uno dei leader dell'Unione europea con la posizione più dura nei confronti dell'immigrazione. Eppure, per mancanza di manodopera locale e alla luce dei nuovi sviluppi industriali, il primo ministro ungherese sta aprendo le porte del Paese a centinaia di cittadini di altri Paesi, i cosiddetti "lavoratori ospiti". Un paradosso che i nostri reporter Valerie Gauriat e Zoltan Siposhegyi esplorano in questa puntata di Witness. Clicca nel player sopra per vedere il loro reportage.

Tra i lavoratori che escono da una fabbrica, che non ha voluto essere identificata, un gruppo di donne allegre ci saluta. Sono arrivate da poco dalle Filippine, con un contratto di due anni. Le seguiamo in uno degli alloggi messi a disposizione dal loro datore di lavoro, una società di reclutamento ungherese, che fornisce loro anche un'indennità di vitto.

Euronews
Monette e le sue colleghe filippine nell'alloggio messo a disposizione dal loro datore di lavoroEuronews

"Questo posto è molto bello, ha tutte le comodità" - dice Monette, arrivata lo scorso maggio -. È molto comodo lavorare qui perché lo stipendio arriva direttamente a noi". Alla domanda su come la popolazione locale stia reagendo alla loro presenza, lei e le sue colleghe sono categoriche: "Non abbiamo percepito alcuna discriminazione - dice Monette -. Le persone sono calorose e amichevoli, ci sentiamo accolte e come a casa nostra in Ungheria!".

La scorsa primavera Viktor Orban ha dichiarato che il Paese avrebbe dovuto creare mezzo milione di nuovi posti di lavoro nei prossimi anni, ammettendo la necessità di manodopera straniera. Si stima che circa 700.000 ungheresi abbiano lasciato il Paese per lavorare all'estero, soprattutto nei Paesi dell'Europa occidentale. Manca la manodopera locale.

"A causa della crescente domanda di investimenti, le aziende ungheresi cercano sempre più spesso di trovare manodopera all'estero", dice Ákos Jáhny, amministratore delegato di una società di reclutamento ungherese, che assume centinaia di lavoratori all'estero ogni mese, soprattutto in Asia.

Una tendenza che preoccupa il capo della Federazione ungherese dei lavoratori chimici. "I salari sono gli stessi per i lavoratori ungheresi e per quelli dei Paesi terzi - dice il sindacalista -. Ma poiché i datori di lavoro devono pagare l'alloggio e il vitto per i lavoratori ospiti, gli ungheresi ci rimettono. E questo rende le trattative salariali molto più difficili".

L'argomento è delicato in Ungheria, dove una nuova legge renderà più facile l'ingresso di lavoratori ospiti nel Paese. In gioco ci sono importanti progetti industriali, in particolare nel settore delle batterie elettriche. Nella città di Göd il gigante coreano Samsung ha impiantato un'enorme fabbrica di batterie. L'azienda non ha risposto alle nostre richieste di intervista. Ma la popolazione locale è in rivolta.

"I problemi principali sono il rumore e l'impatto sull'ambiente - dice un residente di un quartiere vicino, che vuole rimanere anonimo -. Hanno trasformato una casa nel quartiere in un ostello per lavoratori ospiti. Urlano molto, sputano per strada. La loro cultura non è compatibile con il nostro ambiente di vita".

Euronews
A partire dall'anno scorso Prysmian ha integrato circa sessanta lavoratori indonesiani nello stabilimento di KistelekEuronews

Un'atmosfera diversa ci attende più a sud, nella città di Kistelek. Visitiamo una delle fabbriche ungheresi del gigante italiano dei cavi elettrici Prysmian. Firman è uno dei circa 60 lavoratori indonesiani assunti dall'azienda, che non è riuscita a trovare abbastanza manodopera locale. "Anche se lavorare qui è difficile, penso che sia positivo perché tutti qui mi aiutano sempre - dice Firman -. Sostengono il nostro sviluppo professionale e ci offrono corsi di lingua ungherese. E imparo molto sulla leadership. Penso che qui avrò molte opportunità".

Firman e i suoi colleghi indonesiani si sono rapidamente guadagnati la stima delle loro controparti ungheresi. "Eravamo preoccupati, ma tutti hanno cambiato idea dopo pochi giorni. Io sono qui da 40 anni, e anche lui sarà qui per 40 anni", dice un dipendente ungherese indicando Firman.

"Penso che questo sia il futuro - conclude Tiago Fontela Campelo, responsabile delle risorse umane del gruppo in Ungheria -. Abbiamo intenzione di espandere questa esperienza in tutta Europa. E vedremo sempre più questo tipo di cooperazione in un numero sempre maggiore di aziende in Europa".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Bruxelles è la brutta copia di Mosca": Viktor Orbán attacca l'Unione europea

Ungheria: primo dibattito politico in circa 20 anni, accuse alla Tv pubblica di "falsità"

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee