EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le prime truppe francesi lasciano il Niger mentre si insedia la giunta militare

Soldati francesi e nigeriani si preparano per una missione insieme.
Soldati francesi e nigeriani si preparano per una missione insieme. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews Agenzie:  AFP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le proteste antifrancesi davanti all'ambasciata di Niamey hanno segnato una nuova ostilità nei confronti delle operazioni di Parigi nel Sahel

PUBBLICITÀ

I primi soldati francesi hanno lasciato il Niger, nell'ambito del ritiro richiesto dalla giunta militare al potere nel Paese.

Secondo diverse fonti di sicurezza, le truppe sono partite in un convoglio di terra sotto scorta locale.

I generali nigerini hanno chiesto per la prima volta alla Francia di ritirare tutte le truppe dal Paese, poco dopo essere saliti al potere con un colpo di Stato alla fine di luglio, e il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha annunciato la loro partenza alla fine di settembre.

Un convoglio di soldati è arrivato a Niamey a mezzogiorno di martedì, insieme a camion che trasportavano attrezzature e veicoli blindati, secondo quanto riportato dall'Afp.

Lunedì è decollato da Niamey anche un aereo che trasportava attrezzature francesi e un primo gruppo di personale militare prioritario (in particolare per le evacuazioni mediche), ha dichiarato un'altra fonte militare.

La destinazione finale dei convogli francesi non è stata annunciata ufficialmente: secondo fonti vicine alla questione, si stanno dirigendo verso il Ciad, percorrendo più di 1.600 chilometri di strade e piste per raggiungere la capitale N'Djamena, sede del centro di comando delle Forze francesi nel Sahel.

Il regime militare ha annunciato venerdì scorso che il ritiro dei soldati francesi sarebbe avvenuto "in piena sicurezza".

Il colpo di stato in Niger di quest'estate ha visto la folla radunarsi davanti all'ambasciata francese, chiedendo che il personale e le Forze militari associate lasciassero il Paese.

Molti dei presenti sventolavano bandiere russe e cartelli di sostegno al gruppo mercenario Wagner, sostenuto dal Cremlino, che è diventato uno dei principali attori della sicurezza in molti Paesi africani.

Tuttavia, non è chiaro quanto ampia o profonda sia la base di sostegno della Russia in Niger.

FILE - With the headquarters of the ruling party burning in the back, supporters of Niger's ruling junta demonstrate in Niamey, Niger, on July 27, 2023.
FILE - With the headquarters of the ruling party burning in the back, supporters of Niger's ruling junta demonstrate in Niamey, Niger, on July 27, 2023.Fatahoulaye Hassane Midou/AP

Fine di un'era

Per quasi un decennio, circa 1.400 soldati e aviatori francesi sono stati dispiegati in Niger per combattere i jihadisti a fianco dei nigerini, di cui circa 1.000 a Niamey e 400 nella zona occidentale dei "tre confini", dove il Paese confina con il Mali e il Burkina Faso.

A partire dall'estate del 2022, dopo l'uscita della Francia dal Mali e poi dal Burkina Faso, il Niger era diventato il partner chiave per le operazioni anti-jihadiste francesi nel Sahel, dove dilagano gruppi armati affiliati allo Stato Islamico e ad Al-Qaeda.

Dopo aver concluso una partnership di combattimento con il Niger contro i gruppi jihadisti, la Francia ha discretamente ampliato il compound di Niamey con veicoli blindati ed elicotteri, per rafforzare i cinque droni armati Reaper e almeno tre jet da combattimento Mirage già presenti sul posto.

Situato all'interno della base 101 del Niger nella capitale, il complesso ospita centinaia di edifici prefabbricati utilizzati come uffici, attrezzature informatiche, hangar e rifugi modulari per gli aerei, tende per gli alloggi, cabine di pilotaggio per i droni, ruspe ingegneristiche e autopompe.

La Francia afferma di non avere intenzione di consegnare alcun materiale all'Esercito nigerino.

PUBBLICITÀ

Questo nuovo ritiro pone i francesi di fronte a una grande sfida logistica e di sicurezza: le opzioni di viaggio sono limitate e persino pericolose, con il rischio di manifestazioni antifrancesi e la presenza di jihadisti legati a Boko Haram e al ramo dell'Africa occidentale dello Stato Islamico nella zona di Diffa, nel Ciad orientale.

Anche le frontiere terrestri del Niger con il Benin e la Nigeria sono state chiuse dopo il colpo di Stato del 26 luglio, che ha deposto il presidente Mohamed Bazoum, alleato della Francia. 

I nigerini hanno inoltre vietato agli aerei civili e militari francesi di sorvolare il loro territorio senza una deroga ufficiale: tuttavia, il Niger ha riaperto le frontiere con Algeria, Libia, Burkina Faso, Mali e Ciad.

Se i container francesi vengono trasportati in Ciad, il viaggio sarà lungo, faticoso e pericoloso: dovranno poi transitare per il porto di Douala, in Camerun, alla fine di un altro complicato convoglio, secondo una fonte vicina alla questione.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Francia ritirerà il personale militare e diplomatico dal Niger

"Via i soldati francesi dal Niger" Nuove proteste davanti alla base militare di Niamey

Niger, le forze russe entrano nella stessa base militare delle truppe statunitensi