EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Elezioni per il Senato in Francia: Les Républicains e i centristi perdono... ma vincono

L'interno del Senato al Palais du Luxembourg. (24.9.2023)
L'interno del Senato al Palais du Luxembourg. (24.9.2023) Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Cristiano TassinariEuronews - AFP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Prima fase delle elezioni per il Senato francese: 79.000 grandi elettori hanno eletto 170 dei 348 senatori che compongono la Camera Alta dell'Assemblea Nazionale francese. In affanno "Renaissance", il partito di Macron. Bene la sinistra a Parigi, perdono qualcosa repubblicani e centristi

PUBBLICITÀ

I risultati delle elezioni parziali al Senato francese hanno confermato la stabilità della Camera Alta dell'Assemblée Nationale, controllata dalla destra, alleata con i centristi.

Domenica 24 settembre 79.000 grandi elettori hanno eletto 170 dei 348 senatori che compongono la Camera Alta dell'Assemblea: la prossima tornata per il Senato sarà nel 2026.

Come previsto, in affanno il movimento "Renaissance" del presidente Emmanuel Macron.
Sonia Backès, unico membro del governo in corsa, è stata infatti battuta al secondo turno dall'indipendentista Robert Xowie in Nuova Caledonia, mentre a Parigi il "campo largo" presidenziale ha perso l'unico seggio di cui disponeva, con la sconfitta di Julien Bargeton, senatore uscente.

Il Rassemblement National ritorna nell'emiciclo del Senato, grazie all'elezione di tre senatori del partito di Marine Le Pen
Christopher Szczurek è stato eletto al Pas-de-Calais, Aymeric Durox nella Seine-et-Marne e Joshua Hochart nel Nord.

A Parigi, la sinistra unita ha conquistato otto dei dodici seggi in palio, portando in Senato - tra gli altri - l’ecologista Yannick Jadot e il comunista Ian Brossat.

Nella capitale, la destra divisa ha ottenuto solo quattro seggi: tre nella lista della senatrice uscente rieletta Catherine Dumas, sostenuta dall'ex ministra Rachida Dati e da Les Républicains (LR), e quello ottenuto dall'eurodeputata Agnès Evren, considerata una "battitrice libera".

Rieletto a Yvelines, per il sesto mandato, il repubblicano Gérard Larcher, 74 anni: probabile la sua riconferma come presidente del Senato. 
L'elezione avverrà il 2 ottobre.  
“Il Senato continuerà a essere l'essenziale contropotere alla democrazia”, ha dichiarato Larcher.

AFP
Sarà ancora Gérard Larcher il presidente del Senato francese?AFP

Repubblicani e Centristi perdono, ma...vincono

Dopo i risultati di domenica, i Repubblicani sono scesi da 145 a 139 senatori e l'Unione Centrista è scesa da 57 a 51, ma entrambe sono ancora in posizione dominante. 

I Socialisti ottengono un buon risultato: salgono da 64 a 69 senatori. 
Come detto, "Renaissance" del presidente Macron ha visto la sua ministra di Stato e Cittadinanza perdere il seggio al Senato della Nuova Caledonia e questo potrebbe costare a Sonia Backés anche il posto nel governo.

"Disconnessione del macronismo dalla realtà"

Il capogruppo de Les Républicains (LR), Bruno Retailleau, ha parlato al Senato di un “nuovo fallimento del Presidente della Repubblica”, dovuto alla “disconnessione del macronismo dalla realtà”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Senato Usa: via libera al pacchetto di aiuti da 60 miliardi di dollari, soddisfatto Zelensky

Molestie scolastiche e bullismo, la Francia corre ai ripari. Presentato il piano del governo

Crisi migratoria, la Francia può davvero chiudere la porta ai migranti di Lampedusa?