EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Allevare il bestiame in maniera sostenibile: ci lavora la Fao

Allevamenti di bestiame
Allevamenti di bestiame Diritti d'autore Matthias Schrader/Copyright 2019 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Matthias Schrader/Copyright 2019 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Produrre in maniera efficiente e ridurre l'impronta ambientale: sono le due priorità sviluppate dalla Conferenza Fao sulla trasformazione sostenibile degli allevamenti di bestiame, organizzata a Roma

PUBBLICITÀ

Sino al 27 settembre la Fao organizza a Roma la prima Conferenza mondiale sulla trasformazione sostenibile degli allevamenti di bestiame.

L'obiettivo della sessione di lavoro è quello di mettere in campo percorsi innovativi per produrre in modo efficiente alimenti di origine animale, più nutrienti, sicuri e convenienti, e allo stesso tempo ridurre l'impronta ambientale, puntando a mezzi di sussistenza resilienti.

Thanawat Tiensin, direttore della Divisione salute e produzione animale della Fao, illustra i termini della sfida: "Gli allevamenti sostenibili di bestiame prromuovono la disponibilità a lungo termine del sistema agroalimentare, proteggono le risorse naturali, migliorano la resilienza economica e contribuiscono a un futuro più sostenibile e resiliente."

La domanda globale di prodotti alimentari di origine animale dovrebbe aumentare del 20% entro il 2050.

In questo contesto, carne, uova e prodotti lattiero-caseari giocheranno un ruolo cruciale nel garantire la sicurezza alimentare. 

Allo stesso tempo, sono necessarie buone pratiche per ottimizzare l'uso delle risorse naturali e ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

"Dobbiamo innanzitutto concentrarci sul miglioramento dell'efficienza del sistema di allevamento - spiega Tiensin - ciò include l'ottimizzazione della conversione dei mangimi, la riduzione dei rifiuti alimentari, il miglioramento dell'utilizzo dei nutrienti, la riduzione del degrado delle risorse terrestri e idriche, l'abbattimento delle emissioni di gas serra e la mitigazione del degrado ambientale. Inoltre, dobbiamo dare la priorità all'adozione di pratiche di agricoltura e 'allevamento intelligenti' per affrontare la crisi climatica"

Sensibilizzare alla produzione animale sostenibile, scambiare conoscenze sugli sviluppi strategici e stabilire le priorità per la ricerca scientifica, individuare le risorse tecniche e finanziarie saranno gli obiettivi principali della conferenza.

In primo piano anche il nuovo rapporto Fao sulle "Emissioni di metano nei sistemi di allevamento e nelle risaie".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La rivoluzione robotica che rende gli allevamenti più sostenibili

Pro Life a Roma: "Manifestiamo a favore della vita"

Migranti: 34 morti al largo della Calabria, nave alla deriva per tre settimane nell'Atlantico