EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Una settimana dopo il terremoto in Marocco: 50.000 case danneggiate, aiuti e alloggio ai senzatetto

Mohammed VI Re del Marocco. (Rabat, 14.9.2023)
Mohammed VI Re del Marocco. (Rabat, 14.9.2023) Diritti d'autore Mosa'ab Elshamy/AP Photo
Diritti d'autore Mosa'ab Elshamy/AP Photo
Di Cristiano TassinariEuronews - AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Re del Marocco, Mohammed VI, ha garantito aiuti finanziari e alloggio agli abitanti delle oltre 50.000 case danneggiate dal terremoto dell'8 settembre. In corso le valutazioni sui danni subiti dalla Medina di Marrakech, sito Patrimonio Mondiale dell'Unesco

PUBBLICITÀ

Il Marocco ha annunciato che gli abitanti delle circa 50.000 abitazioni danneggiate dal terremoto saranno temporaneamente ricollocati in strutture progettate per resistere all'arrivo dell'inverno o in luoghi di accoglienza dotate di tutti i comfort necessari.

Lo ha annunciato il Gabinetto Reale, in un comunicato diffuso al termIne di una riunione presieduta al Palazzo Reale di Rabat da Re Mohammed VI.

Mosa'ab Elshamy/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Tendopoli a Amizmiz.Mosa'ab Elshamy/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Lo Stato marocchino, inoltre, "garantirà un aiuto urgente di 30.000 dirham (circa 2.750 euro) alle famiglie colpite", si legge nel comunicato.

Moroccan Royal Palace/AP
Riunione al Palazzo Reale di Rabat. (14.9.2023)Moroccan Royal Palace/AP

Villaggi "ai tempi dei nostri antenati"

Nel piccolo villaggio marocchino di Talat Ouldada, nella regione di Marrakech-Safi, molte case sono state distrutte e gli abitanti faticano ancora a ricevere assistenza.

Gli uomini attingono l'acqua da un pozzo per trasportarla a dorso di mulo fino all'accampamento improvvisato, dove vivono da una settimana.
"Ora siamo tornati ai tempi dei nostri antenati", dicono, amaramente. 

Nel villaggio sono morti tre bambini a causa del terremoto. 

Racconta Mouhamed Alayout, un residente: 
"I soccorsi sono finalmente arrivati ​​qui circa 48 ore dopo il terremoto, poiché la strada era bloccata dalle rocce cadute dopo la scossa. Le autorità locali hanno inviato macchinari specializzati, dalla città di Amzmiz, per liberare le strade e consentire l'accesso alla zona".

Screenshot
"I soccorsi sono arrivati 48 ore dopo".Screenshot

Verifiche ai danni subiti dalla Medina di Marrakech

Gli architetti stanno valutando i danni e gli operai rimuovono le macerie nella storica Medina di Marrakech, sito Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.

Gli edifici della Medina sono costruiti con mattoni antichi.

Il centro storico di Marrakech è stato gravemente colpito dal sisma, avvenuto nella tarda serata dell'8 settembre. 

L'epicentro del terremoto è stato rilevato nella provincia di Al-Haouz, a sud di Marrakech: bilancio di 2.946 morti e 5.674 feriti, secondo l'ultima stima ufficiale.

Screenshot
Controlli alla Medina di Marrakech.Screenshot
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mondiali di calcio 2030, un'opportunità per il turismo in Marocco

Il dopo-terremoto in Marocco: devastazione, soccorsi, speranze e (finalmente) la visita del Re

Marocco, continuano le operazioni d soccorso: più di 2900 le vittime del terremoto