EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Varsavia rifiuta di revocare l'embargo sul grano ucraino, perché danneggia la sua agricoltura

Mietitori raccolgono il grano nel villaggio di Zghurivka, Ucraina
Mietitori raccolgono il grano nel villaggio di Zghurivka, Ucraina Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky, File
Diritti d'autore AP Photo/Efrem Lukatsky, File
Di Euronews Agenzie:  AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

"Non permetteremo che il grano ucraino ci inondi", ha dichiarato il primo ministro del Paese, nel mezzo di un'intensa campagna elettorale

PUBBLICITÀ

Il primo ministro polacco ha dichiarato che il suo governo non revocherà l'embargo sulle importazioni di grano ucraino, come previsto venerdì, perché ciò danneggerebbe gli agricoltori polacchi.

"La Polonia non permetterà che il grano ucraino ci inondi", ha dichiarato martedì il primo ministro, Mateusz Morawiecki, sulla piattaforma social X, (l'ormai ex Twitter).

"Indipendentemente dalle decisioni di Bruxelles, non apriremo le nostre frontiere", ha detto Morawiecki nel bel mezzo di un'intensa campagna elettorale per le elezioni parlamentari del 15 ottobre.

Polonia, Ungheria e Slovacchia, in accordo con l'Unione europea, avevano imposto un embargo sui prodotti agricoli ucraini da aprile sino al 15 settembre, per evitare che l'eccedenza di prodotti  danneggiasse gli agricoltori locali.

È consentito invece il transito di merci, nel tentativo di aiutare l'export ucraino visto che la Russia blocca le sue normali vie di esportazione.

Morawiecki ha pubblicato i suoi social le proprie considerazioni poco prima che il governo polacco discutesse della questione.

Commissione e parlamento europeo discuteranno della situazione martedì, al dibattito parteciperanno anche parlamentari polacchi, tra gli altri Michal Kolodziejczak, un candidato dell'opposizione.

Il commissario europeo per l'agricoltura, Janusz Wojciechowski (ex ministro dell'Agricoltura polacco), ha dichiarato martedì che si sta adoperando per ottenere la proroga dell'embargo. 

Elezioni generali polacche a ottobre

La questione è particolarmente delicata in Polonia, dove il mese prossimo si terranno le elezioni. L'attuale governo di destra guidato dal partito Diritto e giustizia è particolarmente forte nelle aree agricole del Paese.

"Vorrei rassicurare tutti gli agricoltori che difenderemo senza mezzi termini gli interessi degli agricoltori polacchi", ha dichiarato il primo ministro Mateusz Morawiecki durante la riunione di governo.

Il vice primo ministro Jaroslaw Kaczynski ha affermato che la Polonia vuole aiutare l'Ucraina "ma allo stesso tempo non dobbiamo dimenticare i nostri concittadini".

La Polonia sostiene l'Ucraina sia militarmente che accogliendo i suoi profughi, ma l'interesse nazionale in campo agricolo viene comunque prima.

"Siamo pronti a continuare a sostenere l'Ucraina nella guerra e durante la ricostruzione ma allo stesso tempo dobbiamo ricordarci dei nostri cittadini, della nostra agricoltura e delle nostre campagne", ha precisato Jaroslaw Kaczynski, leader di Diritto e giustizia.

"I nostri amici ucraini dovrebbero capirlo", ha aggiunto.

Kiev pronta a rivolgersi all'Omc

L'Ucraina ha annunciato di essere pronta a rivolgersi all'Organizzazione mondiale del commercio (Omc) per chiedere un risarcimento alla Polonia.

Accusando Varsavia di "populismo politico" in vista delle legislative previste a metà ottobre, il primo ministro ucraino Denys Chmygal con un tweet ha precisato, che "l'Ucraina sarà costretta a chiedere un arbitrato all'Omc".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Posizioni diverse dentro la Commissione Ue sul grano ucraino

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"

Polonia: sentinella della difesa europea? Il Paese si prepara a difendersi dalla Russia