EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

G20 di Nuova Delhi: consenso sulla dichiarazione finale

Scorci dal G20 di Nuova Delhi: assenti eccellenti Punti e Xi-Jinping
Scorci dal G20 di Nuova Delhi: assenti eccellenti Punti e Xi-Jinping Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Consenso raggiunto, al G20 di Nuova Delhi, sulla dichiarazione finale. Ad annunciarlo il premier indiano e padrone di casa Narendra Modi. Sherpa del governo parlano di "dichiarazione storica e rivoluzionaria"

PUBBLICITÀ

Consenso raggiunto, al G20 di Nuova Delhi, sulla dichiarazione finale. Ad annunciarlo il premier indiano e padrone di casa Narendra Modi. Sherpa del governo parlano di "dichiarazione storica e rivoluzionaria". I dettagli non sono ancora stati resi noti, ma il risultato è sorprendente alla luce delle profonde spaccature emerse negli incontri preparatori, in merito soprattutto alla guerra in Ucraina.

Niente Putin e Xi-Jinping: G20 di Nuova Delhi al via senza i big

Il vertice era partito all'ombra di assenze eccellenti e di divisioni profonde sull'Ucraina, che alla vigilia avevano fatto parlare il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres di "riflesso di una famiglia globale piuttosto disfunzionale".

Siamo una famiglia globale piuttosto disfunzionale
Antonio Guterres
Segretario generale ONU

Assenti un quinto dei leader mondiali

Sostituito dal suo Ministro degli esteri Sergei Lavrov, a mancare all'appello è il presidente russo, assente al pari di quello cinese Xi Jinping: punta di un iceberg, che alla conta si traduce nell'assenza di un quinto dei leader mondiali attesi all'appuntamento.

Spaccature sull'Ucraina: inconcludenti gli incontri preparatori

Sedie vuote che depotenziano già in partenza l'esito di un summit, con l'ambizione - sulla carta - di affrontare nodi globali come l'invasione ucraina da parte di Mosca e l'urgente contrasto del surriscaldamento climatico

Il premier indiano Modi: "Il mondo soffre di una crisi di fiducia"

"Il mondo soffre di una crisi di fiducia", l'ammissione in apertura dei lavori del padrone di casa e primo ministro indiano Narendra Modi, che ambisce a sfruttare l'assenza dei big per ritagliarsi un ruolo di mediazione e primo piano sulla scena mondiale. Ambizioni però già offuscate dallo spettro di una mancata convergenza sulle dichiarazioni finali. 

Bilaterale Modi-Biden: verso un corridoio commerciale tra India ed Europa

Sviluppo e crescita sostenibili, transizione digitale e mantenimento della pace internazionale, altri dei temi che in agenda accompagneranno un folto calendario di incontri bilaterali. Tra i primi quello tra Modi e il presidente degli Stati Uniti Biden, che hanno discusso un ambizioso corridoio commerciale che collegherebbe l'India al Medio Oriente e l'Europa

Sul corridoio ferroviario e marittimo dall'India all'Europa c'è un accordo di principio tra Stati Uniti, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, UE e altri partner del G20
Jon Finer
Consigliere USA per la sicurezza nazionale

Sul progetto, ha annunciato il consigliere statunitense per la sicurezza nazionale Jon Finer, esiste già "un accordo di principio tra Stati Uniti, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, UE e altri partner del G20". L'intenzione è nello specifico di aprire un corridoio marittimo e ferroviario.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kiev sotto i droni critica i leader del G20: Nessuna condanna esplicita a Mosca

G20, c'è il consenso per la dichiarazione congiunta: condanna blanda all'invasione ucraina

Summit sull'energia nucleare a Bruxelles: i pro e i contro per la crisi climatica