EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Siria, morti e feriti per un attacco aereo russo in un'area controllata dalle milizie ribelli

 All rights reserved
All rights reserved Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2023 The AP
Diritti d'autore Manu Fernandez/Copyright 2023 The AP
Di Euronews Digital
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'attacco è avvenuto nella notte e i feriti sono state curati dai volontari del gruppo dei Caschi Bianchi

PUBBLICITÀ

Nel contesto del recente aumento degli attacchi da parte di Mosca, alleata di Damasco, almeno due civili sono stati uccisi e cinque feriti, tra cui una donna e due bambini, in un attacco aereo russo in un'area controllata dalle milizie ribelli nel nord-ovest della Siria.

L'attacco è avvenuto nella notte e i feriti sono stati curati dai volontari del gruppo dei Caschi Bianchi.

"C'erano persone sotto le macerie, mucche e pecore - dice Ahmad al-Hussein, residente ad Ain Shib - i morti erano sfollati di al-Rweiha e vivevano qui nella stazione di pompaggio".

Recentemente, la Russia ha intensificato i suoi attacchi in questa parte del Paese controllata principalmente da Hayat Tahrir al-Sham, un gruppo jihadista vicino ad Al-Qaida.

Nella regione vivono circa tre milioni di persone: l'Esercito russo è intervenuto in Siria dal 2015 (per lo più con attacchi aerei), aiutando il regime di Bashar al Assad a recuperare gran parte del terreno perduto nei primi anni della guerra civile.

Il conflitto, iniziato nel 2011, ha provocato mezzo milione di morti e milioni di sfollati.

Due attacchi martedì scorso vicino ad Ain Shib, a ovest della città di Idlib, hanno inoltre colpito la struttura dove vivevano gli sfollati siriani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: scontri tra fazioni, fioccano le vittime. Non si arrestano le proteste contro Assad

Siria, attacco russo uccide almeno otto jihadisti

Turchia e Siria: emergenza umanitaria a cinque mesi dai terremoti