EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Iran, lo spettro del nucleare e il supporto alla Russia

Centrali nucleari in Iran
Centrali nucleari in Iran Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Otto anni dopo la conclusione dello storico accordo sul nucleare con l'Iran, l'Unione europea si trova di fronte a una decisione difficile

PUBBLICITÀ

Otto anni dopo la conclusione dello storico accordo sul nucleare con l'Iran, l'Unione europea si trova di fronte a una decisione difficile. Proseguire con le sanzioni a Teheran, cosa che porterebbe a interrompere gli impegni presi con l'accordo nucleare del 2015 - o aprire la strada all'Iran per fornire droni mortali alla Russia."

Per Behnam Ben Taleblu, esperto di politica iraniana, presso la Foundation for Defense of Democracies "Il coinvolgimento iraniano nella guerra in Ucraina, con i trasferimenti di droni suicidi e veicoli aerei da combattimento senza pilota, i trasferimenti di munizioni, il potenziale trasferimento di armi a corto raggio e missili balistici di precisione, vi fa capire quali sono le priorità del regime."

L'accordo in se è fallito dopo il ritiro degli Stati Uniti nel 2018. Da allora l'Iran ha intensificato il suo programma di armi nucleari e missili balistici. Ma c'era ancora qualche speranza di rilanciare l'affare. 

Ali Vaez, Direttore del progetto Iran di Crisis Group: "Se la guerra in Ucraina non fosse avvenuta, probabilmente c'erano maggiori possibilità di ripristinare l'accordo sul nucleare. Ha anche portato a un errore di calcolo iraniano, credevano che gli europei avrebbero avuto bisogno dell'energia dell'Iran in modo da avere più influenza nei negoziati. Penso che abbiano giocato troppo la loro mano. L'Europa sta tentando di rilanciare i colloqui con l'Iran dall'aprile 2021."

L'ultimo ciclo di incontri informali si è svolto in Qatar a giugno.

Bart Groothuis, eurodeputato e vicepresidente, delegazione UE per le relazioni con l'Iran): "Penso che anche l'Europa, l'Unione europea in quanto tale, dovrebbe lavorare per un accordo, ma non in modo ingenuo. Dovremmo guardare cosa è possibile e cosa no. E se una maggiore pressione dovesse essere estesa all'Iran, dovremmo prenderla in considerazione. Tuttavia, le prospettive di un accordo con l'Iran equivalgono a una versione annacquata dell'accordo. L'obiettivo principale dell'Europa ruota attorno alla prevenzione dell'escalation."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A che punto è davvero il programma nucleare in Iran?

Solidarietà e sconcerto: i politici dell'Ue si dividono sulla morte del presidente iraniano Raisi

Iran, cosa succederà con la morte del presidente Ebrahim Raisi