EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il risiko geopolitico della costosa energia nucleare

Una centrale nucleare
Una centrale nucleare Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Più costosa delle rinnovabili, l'energia nucleare offre ormai solo un vantaggio geopolitico. Sedici impianti sono in costruzione nel mondo e la Cina mira a diventare il primo produttore entro il 2030

PUBBLICITÀ

Negli ultimi decenni l'opinione pubblica sull'energia nucleare è cambiata in modo graduale, ma costante, fino a cambaire quasi completamente. Da Three Mile island  nel 1979, a Fukushima nel 2011, passando per l'incidente nucleare di Chernobyl che nel 1986 terrorizzò i cittadini europei, la paura della catastrofe ha sempre alimentato l'avversione e le proteste contro questo dipo di energia, insieme al problema, tutt'ora irrisolto, che riguarda lo stoccaggio delle scorie: alcuni componenti, infatti, possono rimanere radioattivi e quindi pericolosi per migliaia di anni.

Il costo dell'elettricità prodotta grazie al processo di scissione dell'atomo è sempre meno competitivo rispetto alle fonti rinnovabili. Eppure nel mondo sono ben sedici gli impianti attualmente in costruzione. E da minaccia letale per la vita sulla Terra non manca chi considera il nucleare un possibile alleato nella lotta al cambiamento climatico, in quanto, al contrario dei combustibili fossili, produce basse quantità di gas climalteranti.

Un vantaggio geopolitico

Ma la vera convenienza rappesentata dal nucleare è di natura geopolitica più economica.Entro il 2030 la Cina punta a diventare il primo produttore mondiale di Gigawatt generati dal processo di fissione dell'atomo di uranio. E anche la Russia è un competitor di prim'ordine in questo settore.

"La Russia ha un'industria nucleare ben funzionante", sostiene Philippe Copinschi, professore presso la Scuola di Affari Internazionali di Parigi. "È in grado di fornire prodotti e servizi in tutto il mondo, ed ha il vantaggio di essere completamente integrata lungo l'intera catena del valore della produzione dell'Uranio. I russi sono in grado di arricchirlo, sono in grado di costruire centrali nucleari, di ritrattare il combustibile. Sono tra i pochi che riescono a fornire un servizio chiavi in mano".

L'economia legata al nucleare ha una valenza politica, promuove le relazioni diplomatiche, commerciali e istituzionali tra paesi fornitori e acquirenti. E permette a chi controlla questa tecnologia di rafforzare la propria posizione sulla scena internazionale. 

Per questo rimane un'industria strategica anche se è ormai più costosa di altre fonti energetiche. "L'energia nucleare sta diventando sempre meno competitiva. Il prezzo dell'elettricità prodotta con le fonti rinnovabili, in particolare eolica e solare, è in forte calo. Oggi costa meno produrre energia con il vento che con il nucleare", sostiene Copinschi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, inaugurata la centrale nucleare finanziata da Mosca

Anniversario Chernobyl: cosa fare in caso di incidente nucleare?

L'Europa che voglio: sovranità energetica e tassazione di carbonio, cosa farei da europarlamentare