EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Austria: l'ottava conferenza dei Paesi esportatori di petrolio

Ottava riunione dell'Opec a Vienna
Ottava riunione dell'Opec a Vienna Diritti d'autore Lisa Leutner/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Lisa Leutner/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sul tavolo il panorama energetico globale e le prospettive future

PUBBLICITÀ

Si è riunita a Vienna l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec).

Al centro dell'ottavo seminario internazionale – dal titolo Towards a Sustainable and Inclusive Energy Transition - l'attuale panorama energetico globale e le prospettive future in materia di transizione energetica, stabilità del mercato, sicurezza energetica, investimenti, tecnologia e innovazione.

Haitham al Ghais, segretario generale dell'Opec, ha commentato: "Dobbiamo fare tutto il possibile per ridurre le emissioni, non per ridurre l'energia. Circola l'idea sbagliata che ci sia una riduzione della produzione e una riduzione degli investimenti nel petrolio e nel gas: non siamo d'accordo con questo messaggio. Crediamo che in futuro saranno necessarie tutte le fonti di energia, comprese le rinnovabili. Non esiste una sola fonte di energia che possa fare tutto da sola".

"Dobbiamo accettare il fatto che la transizione richiede tempo, probabilmente due generazioni industriali impiegheranno 25 anni per gestire questa transizione. Quindi ci sarà una coesistenza. La domanda è: come possiamo aiutarci a vicenda per accelerare la transizione?", ha dichiarato dal canto suo Gerhard Thonhauser, presidente del Gruppo TDE Limited.

Lunedì l'Arabia Saudita ha comunicato di voler prolungare il taglio della produzione di petrolio di un milione di barili al giorno per favorire i prezzi in calo, mentre la Russia ha annunciato che ridurrà le sue esportazioni di 500.000 bpd ad agosto. Queste sono le più recenti misure adottate dai principali produttori per stabilizzare i prezzi a fronte dell'elevata volatilità del mercato, delle persistenti conseguenze dell'invasione russa dell'Ucraina e della vacillante ripresa economica della Cina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Opec+: taglio alla produzione di petrolio ma senza una linea condivisa

Petrolio russo: l'embargo c'è, le scappatoie anche

Petrolio e inquinamento, la malasorte di abitare a Zharrës in Albania