EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Grecia: scafisti davanti al giudice, 300 pakistani morti nel naufragio

Copyright
Copyright Diritti d'autore Petros Giannakouris/2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/2023 The AP. All rights reserved
Di Redazione italiana
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le operazioni di ricerca continuano con l'ausilio di una fregata della Marina e di altre tre navi, assistite da un elicottero della Guardia costiera

PUBBLICITÀ

Alcune immagini sono state catturate ore prima dell'ultima tragedia dei migranti al largo delle coste elleniche, in cui almeno 80 persone sono morte e svariate centinaia rimangono disperse.

Nove cittadini egiziani, accusati di essere gli scafisti responsabili del naufragio al largo di Pylos, si presenteranno martedì in Procura nella città di Kalamata.

Hanno chiesto e ottenuto una proroga di 24 ore, affinché i loro avvocati studiassero il fascicolo: secondo il legale di uno degli indagati, il suo assistito nega ogni addebito e si dichiara innocente, affermando di non aver preso parte né prestato assistenza al trasferimento dei migranti sul peschereccio affondato.

"Il mio assistito - dice Athanasios Iliopoulos, avvocato di uno dei sospettati - sostiene di essere stato sulla barca con 30-35 connazionali egiziani.

Ha lasciato il suo Paese alla ricerca di una vita migliore in Europa, a causa delle difficoltà economiche".

Intanto, i corpi di altri due migranti sono stati recuperati dalla Guardia Costiera ellenica, vicino al punto in cui il peschereccio stracolmo di migranti si è capovolto.

Medici Senza Frontiere spiega alcune delle cause di tragedie come questa.

"Penso che i respingimenti - dice Duccio Staderini, capo missione in Grecia e Balcani per MSF - questa chiusura del confine, l'esternalizzazione dei confini che stiamo mettendo in atto in Europa stiano creando questi 'colli di bottiglia', in cui le persone sono bloccate e sono vittime della criminalità di reti criminali, che sono i trafficanti.

Queste reti criminali stanno emergendo a causa di questo: e non è solo la Libia, è in tutta Europa".

Le operazioni di ricerca sono continuate con l'ausilio di una fregata della Marina e di altre tre navi, assistite da un elicottero della Guardia costiera.

300 pakistani morti

Stando a quanto affermato dal governo pakistano, pare che più di 300 pakistani siano annegati nel naufragio: il numero delle vittime è stato reso noto dal presidente del Senato di Islamabad, Muhammad Sadiq Sanjrani.

Il peschereccio si è ribaltato mercoledì scorso in acque internazionali, a 47 miglia nautiche al largo di Pylos, nel sud-ovest del Peloponneso.

I resoconti dei media hanno riportato che sino a 700 persone erano probabilmente a bordo della barca, con donne e bambini tenuti nella stiva.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La riforma della politica migratoria Ue non contempla i salvataggi in mare

Grecia, i migranti tratti in salvo sono arrivati al centro d'accoglienza di Malakasa

Grecia, la rotta dalla Libia spaventa l'isola di Gavdos: 1.500 migranti in tre mesi