EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Tragedia dei migranti in Grecia: cresce la protesta contro Frontex e Guardia Costiera greca

Uno striscione: "Guardia Costiera e Frontex assassini". (Il Pireo, 18.6.2023)
Uno striscione: "Guardia Costiera e Frontex assassini". (Il Pireo, 18.6.2023) Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Cristiano TassinariEuronews World - Agenzie internazionali
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Manifestazione di protesta contro l'Agenzia europea Frontex e contro la Guardia Costiera ellenica, accusate di non essere intervenute tempestivamente per evitare il naufragio del peschereccio al largo della costa di Pylos e per salvare centinaia di vite umane

PUBBLICITÀ

Cresce la protesta in Grecia.

Dopo la manifestazione dei giorni scorsi ad Atene, contro la politica migratoria europea, domenica 18 giugno - al porto del Pireo - circa 200 persone hanno marciato verso gli uffici dell'Agenzia europea Frontex e della Guardia Costiera ellenica, protestando per la gestione del naufragio della scorsa settimana al largo della costa di Pylos, nel Mar Egeo

Euronews
La manifestazione di domenica al Pireo. (18.6.2023)Euronews

Nel mirino, soprattutto la Guardia Costiera greca, che - secondo i manifestanti - sarebbe dovuta intervenire prima per aiutare a portare in salvo i migranti.

Circa 750 migranti, tra uomini, donne e bambini, provenienti da Siria, Egitto, Territori palestinesi e Pakistan, erano a bordo della nave - partita da Tobruk, in Libia - che cercava di raggiungere l'Europa, quando è affondata.

Una funzione religiosa si è svolta domenica presso il porto di Kalamata, in memoria delle vittime.

Euronews
In memoria della vittime. (Kalamata, 18.6.2023)Euronews

Si teme che più di 500 migranti siano annegati, sebbene siano stati recuperati solo 78 corpi. 
Ad oggi sono stati salvati 104 sopravvissuti.

John Liakos/AP
Una foto simbolo: Fedi (a destra), uno dei sopravvissuti, abbraccia il fratello Mohamed, arrivato dall'Italia. (Kalamata, 16.6.2023)John Liakos/AP

Nove i "trafficanti" arrestati in Grecia, altri dieci in Pakistan, comunque collegati in qualche modo al naufragio di Pylos. 

Il video che inchioda la Guardia Costiera: "Il peschereccio era fermo"

La Guardia Costiera greca e i funzionari del governo di Atene affermano che le loro motovedette e le vicine navi mercantili stavano seguendo il peschereccio, dopo che era stato avvistato da un aereo di sorveglianza di Frontex.

L'assistenza offerta, questa la versione ufficiale, sarebbe stata rifiutata da qualcuno a bordo del peschereccio, in rotta verso l'Italia.
Secondo la Guardia Costiera, l'imbarcazione era in navigazione e non ferma in mezzo al mare. 

Il portavoce della Guardia Costiera, Nikos Alexiou, aveva negato l'esistenza di immagini precedenti la tragedia, ma è stato smentito da un video girato da una nave cargo maltese, in cui si vede il peschereccio dei migranti, stracolmo, fermo in mezzo al mare. 

Secondo quanto riportato anche dalla BBC, il peschereggio sarebbe rimasto fermo per sette ore in mezzo al Mar Egeo, prima di affondare. 

Nel video si vede anche un piccolo carico galleggiante trainato dal peschereccio con una fune, probabilmente aiuti o viveri a loro consegnati da un'altra imbarcazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Solidarietà ai rifugiati, a Lione la "marcia degli ombrelli"

Grecia, la rotta dalla Libia spaventa l'isola di Gavdos: 1.500 migranti in tre mesi

Grecia, quattro migranti morti in un naufragio al largo di Lesbo