EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Vigili indagati per il pestaggio della transessuale a Milano

Image
Image Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Persona transgender picchiata dai vigili urbani a Milano: la procura indaga per abuso d'ufficio

PUBBLICITÀ

La magistratura vuole fare luce sulle azioni dei quattro vigili urbani che nella mattinata di giovedì hanno fermato e poi preso a manganellate una transessuale con evidenti problemi psichici.

La scena è stata immortalata da alcuni studenti dell'Università Bocconi con un video diventato virale sui social.

Il video

Le indagini

Il procuratore Marcello Viola e l'aggiunto Tiziana Siciliano hanno identificato formalmente gli agenti aprendo un fascicolo per lesioni aggravate e abuso della funzione pubblica.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha definito l'incidente come "veramente grave" e ingiustificabile, dato che dal filmato la persona "pare inerme," riferisce il primo cittadino.

La ricostruzione dei fatti

Intorno alle otto del mattino, in un parco vicino alla scuola Giacosa, una transessuale in stato di forte agitazione ha cominciato ad urlare di avere l'AIDS. È stata poi fatta una segnalazione per schiamazzi e si sono recati sul luogo un'ambulanza e i vigili urbani, i quali hanno portato la transgender all'ufficio arresti e fermi per identificarla.

Durante il tragitto, la 41enne brasiliana scappa, ma viene poi raggiunta dagli agenti in Via Sarfatti dove gli studenti hanno ripreso la scena.

Sono stati già sequestrati lo spray e i manganelli che i vigili hanno usato contro la transessuale. Quest'ultima è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale ma non è mai stata arrestata.

L'indignazione sui social

Il video, diventato virale, ha diviso l'opinione pubblica, attirando critiche da diverse parti politiche.

Il Partito Democratico ha condannato il gesto, mentre Fratelli d'Italia ha espresso "piena solidarietà" nei confronti degli agenti.

La senatrice Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, il ragazzo tossicodipendente morto in commissariato  a causa delle percosse degli agenti, ha chiesto di fare luce sull'accaduto e ha dichiarato che presenterà un'interrogazione parlamentare in merito.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svelata l'identità delle vittime del naufragio sul Lago Maggiore

Arabia Saudita: ritirati giocattoli e gadget coi colori arcobaleno

Eletto in un piccolo comune della Lombardia il primo sindaco transessuale d'Italia